Accettazione tacita eredità - indebitati.it

Un errore può portare ad accettazione tacita eredità?

Un’informazione in merito all’accettazione tacita di eredità.

Mio padre è deceduto circa un mese fa.

Eredi legittimi siamo io mia madre e i miei due
fratelli.

L’eredità consiste esclusivamente in un conto corrente bancario con importo inferiore ai 2000 euro in quanto il mio genitore non era possessore di altri beni.

Nel frattempo ho chiuso il conto corrente bancario di mio padre in quanto vorrei utilizzare l’esigua somma per il pagamento di parte delle spese cimiteriali e del funerale.

In banca ho presentato certificato di morte, atto sostituitivo di notorietà, e una lettera col la quale i miei rimanenti familiari mi autorizzavano ad espletare le operazioni di chiusura del conto corrente e a ricevere la somma.

Vengo ora al corrente di alcuni avvisi di accertamento emessi nei confronti di mio padre da parte dell’agenzia delle entrate per alcuni debiti col fisco, superiori al saldo disponibile sul conto corrente. Nel frattempo la banca ha effettuato un bonifico sul mio conto corrente per una somma inferiore al saldo disponibile in quanto stanno aspettando di quantificare le spese effettuate tramite carta di credito, pertanto il saldo finale non sarà effettuato prima di metà settembre.

Vista l’esigua somma e le motivazioni (ripeto, spese funerale e loculo cimiteriale) per cui saranno utilizzati i 2000 euro, il fatto che abbia chiuso il conto corrente corrisponde ad accettazione tacita di eredità da parte mia? Non vorrei trovarmi nella situazione di dover rispondere personalmente dei debiti al fisco, per una cifra così bassa non ne vale la pena.

Nel caso cosa posso fare?

Classico caso di accettazione tacita dell’eredità

Purtroppo non può fare più nulla. Siamo di fronte ad un classico caso di accettazione tacita dell’eredità. Sia per lei che per gli altri due chiamati all’eredità (sua madre e suo fratello) che hanno sottoscritto il documento di autorizzazione a procedere alla chiusura del conto ed al prelievo di quanto sul conto disponibile.

Mi spiace.

19 Settembre 2012 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore
Se il chiamato all'eredità è un debitore, il suo creditore ha spesso interesse alla trascrizione dell'accettazione dell'eredità per poter portare a termine l'azione esecutiva. Per quanto riguarda l'accettazione esplicita, o espressa, dell'eredità, essa opera in base alla dichiarazione del chiamato contenuta in un atto pubblico ovvero in una scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente. L'accettazione tacita dell'eredità consiste, invece, nel compimento di atti che presuppongono necessariamente la volontà di accettare e che il chiamato non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede. In via generale, gli atti che, secondo la legge o secondo la giurisprudenza, ...

Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità
Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all'eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui beni dell'eredità. Si ha accettazione tacita dell'eredità quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede. Questi i principi richiamati dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 6070/12. Pertanto, ...

La riscossione dei canoni di locazione integra accettazione tacita dell'eredità
L'accettazione tacita di eredità, che si ha quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di compiere se non nella qualità di erede, può essere desunta anche dal comportamento del chiamato, che abbia posto in essere una serie di atti incompatibili con la volontà di rinunciare o che siano concludenti e significativi della volontà di accettare. In particolare, la riscossione dei canoni di locazione di un bene ereditario, è un atto dispositivo e non meramente conservativo, che integra accettazione tacita dell'eredità. Questo il pensiero dei giudici della Corte di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accettazione tacita eredità - indebitati.it. Clicca qui.

Stai leggendo Accettazione tacita eredità - indebitati.it Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 19 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 27 Giugno 2019 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)