Accettazione con beneficio di inventario ed imposta di successione

La limitazione della responsabilita’ dell’erede per i debiti ereditati, derivante dall’accettazione dell’eredita’ con beneficio d’inventario, e’ opponibile a qualsiasi creditore, ivi compreso l’erario. Quest’ultimo, di conseguenza, pur potendo procedere alla notifica dell’avviso di liquidazione nei confronti dell’erede, non puo’ liquidare od esigere il versamento dell’imposta ipotecaria, catastale o di successione sino a quando non si sia chiusa la procedura di liquidazione dei debiti ereditari, e sempre che sussista un residuo attivo in favore dell’erede.

L’erede che abbia accettato l’eredita’ con beneficio d’inventario è, comunque, tenuto a corrispondere il tributo, ma in misura non superiore al valore dei beni a lui pervenuti. Allo scopo di poter provvedere alla concreta quantificazione del debito tributario incombente sul singolo erede e’ necessario, inoltre, il preventivo inventario dei beni ricevuti in eredità.

Solo dopo il completamento della procedura di formazione dell’inventario l’Agenzia delle entrate puo’ procedere alla liquidazione ed alla tassazione, potendosi, solo così, quantificare l’imponibile.

Per finire, l’esecuzione coattiva della astratta liquidazione del tributo, coerente con l’ammontare dell’asse ante-inventario, deve intendersi condizionata dalla conclusione della procedura di accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario.

In sintesi, quelle appena enunciate sono le direttive impartite dai giudici della Corte di cassazione nell’ordinanza 14847/15.

1 Settembre 2015 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La decadenza dal diritto di accettare l'eredità con beneficio di inventario
Come sappiamo, colui che accetta l'eredità con beneficio d'inventario è erede, con l'unica rilevante differenza, rispetto all'accettazione pura e semplice, che il patrimonio del defunto é tenuto distinto da quello dell'erede, producendosi così la limitazione della sua responsabilità per i debiti ereditari entro il valore dei beni lasciati dal defunto. In sostanza, l'accettazione dell'eredità con beneficio d'inventario, non determina, di per sé sola, il venir meno della responsabilità patrimoniale dell'erede per i debiti del de cuius, ma fa solo sorgere il diritto di questo a non risponderne oltre al valore dei beni accettati con beneficio di inventario. Nel caso in ...

Quando il chiamato all'eredità è un minore » L'accettazione obbligata con beneficio di inventario e le conseguenze della mancata redazione dell'inventario
Il minore, chiamato all'eredità, può solo accettare con beneficio di inventario (articolo 471 del codice civile): la norma, peraltro, con il successivo articolo 489 accorda un ulteriore vantaggio al minore prevedendo che, anche laddove non abbia in precedenza provveduto a redigere l'inventario, possa comunque predisporre tale atto nel termine di un anno dal raggiungimento della maggiore età, conservando quindi gli effetti e i vantaggi del beneficio. Infatti, qualora il genitore esercente la responsabilità genitoriale sul figlio minore, chiamato all'eredità, faccia l'accettazione prescritta dalla normativa vigente (accettazione con beneficio di inventario), ma non compili l'inventario necessario per poter usufruire della limitazione ...

Decreto ingiuntivo notificato all'erede per i debiti del de cuius - L'eventuale successiva accettazione con beneficio di inventario può essere eccepita dinanzi al giudice dell'esecuzione
Com'è noto, l'effetto del beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede: di conseguenza, l'erede non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari oltre il valore dei beni a lui pervenuti. Se il patrimonio non è sufficientemente capiente, i creditori del defunto, ancora non soddisfatti, non possono aggredire il patrimonio dell'erede. Se l'erede è in possesso dei beni ereditati (tutti o alcuni) e intende accettare l'eredità con beneficio d'inventario, lo deve fare entro tre mesi dalla data della morte. Se l'inventario non è compiuto nei tre mesi, l'erede decade dal beneficio e viene considerato erede ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accettazione con beneficio di inventario ed imposta di successione. Clicca qui.

Stai leggendo Accettazione con beneficio di inventario ed imposta di successione Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 1 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 19 Novembre 2018 at 18:26

    Io ho accettato con beneficio d’inventario l’eredita di mio padre, deceduto nel 2012. Facendo tutti i passaggi con il notaio oggi, 18 novembre 2018, mi arriva una cartella dell agenzia delle entrate dove mi chiede di pagare 35 mila euro. La cartella è arrivata a nome mio senza specificare erede e controllando la cartella risultano debiti di mio padre. Possono farlo?

    • Annapaola Ferri 19 Novembre 2018 at 21:16

      Accettando l’eredità con il beneficio di inventario, lei è divenuto erede dei debiti del papà defunto, sebbene nei limiti di quanto ricevuto in eredità. Per questo motivo, il creditore (nella fattispecie Agenzia delle Entrate) non può fare altro che notificare a lei, erede, seppur beneficiato, un qualsiasi debito di suo padre che non sia prescritto o decaduto. Con il notaio potrà solo verificare se c’è, o meno, capienza dei 35 mila euro nella massa ereditaria a suo tempo inventariata.