Accettazione con beneficio di inventario - Può essere opposta dall'erede anche per le imposte di successione e catastale da versare all'erario

La limitazione della responsabilità dell'erede per i debiti ereditati, derivante dall'accettazione dell'eredità con beneficio d'inventario, è opponibile a qualsiasi creditore, ivi compreso l'erario. Quest’ultimo, di conseguenza, pur potendo procedere alla notifica dell'avviso di liquidazione nei confronti dell'erede, non può liquidare od esigere il versamento dell'imposta ipotecaria, catastale o di successione sino a quando non si sia chiusa la procedura di liquidazione dei debiti ereditari, e sempre che sussista un residuo attivo in favore dell'erede.

L'erede che abbia accettato l'eredità con beneficio d'inventario è, comunque, tenuto a corrispondere il tributo, ma in misura non superiore al valore dei beni a lui pervenuti. Allo scopo di poter provvedere alla concreta quantificazione del debito tributario incombente sul singolo erede è necessario, inoltre, il preventivo inventario dei beni ricevuti in eredità.

Solo dopo il completamento della procedura di formazione dell'inventario l'Agenzia delle entrate può procedere alla liquidazione ed alla tassazione, potendosi, solo così, quantificare l'imponibile.

Per finire, l'esecuzione coattiva della astratta liquidazione del tributo, coerente con l'ammontare dell'asse ante-inventario, deve intendersi condizionata dalla conclusione della procedura di accettazione dell'eredità con beneficio d'inventario.

In sintesi, quelle appena enunciate sono le direttive impartite dai giudici della Corte di cassazione nell'ordinanza 14847/15.

1 settembre 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accettazione con beneficio di inventario - può essere opposta dall'erede anche per le imposte di successione e catastale da versare all'erario. Clicca qui.

Stai leggendo Accettazione con beneficio di inventario - Può essere opposta dall'erede anche per le imposte di successione e catastale da versare all'erario Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 1 settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 19 novembre 2018 at 18:26

    Io ho accettato con beneficio d’inventario l’eredita di mio padre, deceduto nel 2012. Facendo tutti i passaggi con il notaio oggi, 18 novembre 2018, mi arriva una cartella dell agenzia delle entrate dove mi chiede di pagare 35 mila euro. La cartella è arrivata a nome mio senza specificare erede e controllando la cartella risultano debiti di mio padre. Possono farlo?

    • Annapaola Ferri 19 novembre 2018 at 21:16

      Accettando l’eredità con il beneficio di inventario, lei è divenuto erede dei debiti del papà defunto, sebbene nei limiti di quanto ricevuto in eredità. Per questo motivo, il creditore (nella fattispecie Agenzia delle Entrate) non può fare altro che notificare a lei, erede, seppur beneficiato, un qualsiasi debito di suo padre che non sia prescritto o decaduto. Con il notaio potrà solo verificare se c’è, o meno, capienza dei 35 mila euro nella massa ereditaria a suo tempo inventariata.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca