Accesso agli atti - obblighi di ostensione per Equitalia

Accesso agli atti - obblighi di ostensione per Equitalia e concessionari della riscossione

Per i concessionari della riscossione in generale e quindi anche, in particolare, per Equitalia, vige la norma dell'articolo 26 comma 4 del dpr 602 del 1973 che li obbliga a conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso del ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione.

Come si vede, in relazione alla particolare tipologia di atti detenuti, il legislatore individua direttamente un obbligo di custodia degli atti ed un dovere di ostensione su mera richiesta del contribuente. Le disposizioni sul diritto di accesso agli atti risultano pertanto di maggiore definizione e speciali rispetto alla disciplina generale del procedimento amministrativo in quanto, in questo caso, la valutazione sulla sussistenza di un interesse all'esibizione è fatta direttamente dalla legge, e non va più svolta caso per caso.

A maggior ragione, quindi, la richiesta del contribuente non può essere valutata sotto il profilo della meritevolezza soggettiva da parte del concessionario, obbligato ex lege alla custodia ed all'esibizione, senza che allo stesso residui alcun margine di scelta. Ciò in quanto la copia della cartella di pagamento costituisce uno strumento utile alla tutela giurisdizionale delle ragioni del contribuente e il concessionario della riscossione non ha quindi alcuna legittimazione a sindacare le scelte difensive eventualmente operate dal cittadino.

Accesso agli atti - cartella esattoriale in originale ed estratto della cartella esattoriale

La cartella di pagamento in originale ed il documento che spesso Equitalia esibisce, classificato come estratto cartella e stampigliato come copia conforme dell'estratto di ruolo, sono cose diverse. In particolare, la cartella esattoriale è prevista quale documento per la riscossione degli importi contenuti nei ruoli e deve essere predisposta secondo il modello approvato con decreto del Ministero delle Finanze. La copia conforme dell'estratto di ruolo è invece un elaborato informatico formato dall'esattore, sebbene contenga sostenzialmente gli stessi elementi della cartella originale.

Tuttavia, la differenza tra i due documenti non può essere superata dall'omogeneità dei contenuti. La ragione per cui non è permesso all'amministrazione, ed al privato che esercita funzioni pubbliche, di sostituire arbitrariamente il documento richiesto con altro sebbene equipollente deriva espressamente dalla legge 7 agosto 1990, numero 241 "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi", che all'articolo 22 lettera d) fornisce la nozione di documento amministrativo e nello stesso contesto, alla lettera a) precisa come il diritto di accesso agli atti sia il diritto degli interessati di prendere visione e di estrarre copia di documenti amministrativi, ossia un diritto di acquisizione di quegli stessi documenti o delle loro copie e non di succedanei.

In questa ottica, non costituisce giustificazione al diniego opposto all'ostensione dell'originale l'esistenza, per la pubblica amministrazione, di impedimenti tecnici. Insomma, l'accesso documentale non può essere soddisfatto dall'esibizione di un documento che l'amministrazione, e non il cittadino privato ricorrente, giudica equipollente.

Questi gli orientamenti del Consiglio di Stato espressi nella sentenza numero 5250/13.

Accesso agli atti - relata di notifica in originale o in copia non autenticata

Spesso, in giudizio, alla richiesta di ostensione dell'originale della relata di notifica, il ricorrente si vede opporre il documento in copia non autenticata. In questo caso è possibile disconoscere la conformità all'originale della copia della relata prodotta da Equitalia, ma l'onere di disconoscimento della copia fotostatica va assolto in modo chiaro e specifico. Occorre, cioè, che il disconoscimento formale abbia un contenuto non generale e tale da far emergere in modo inequivoco gli estremi della negazione della genuinità della copia.

Infatti, nel silenzio della legge in merito ai modi e ai termini in cui il disconoscimento debba avvenire, è da ritenere applicabile la disciplina, enunciata in giurisprudenza, secondo la quale la copia fotostatica non autenticata si darà per riconosciuta, tanto nella sua conformità all'originale quanto nella scrittura e sottoscrizione, se non viene disconosciuta in modo formale e, quindi, in modo specifico e non equivoco, alla prima udienza ovvero nella prima risposta successiva alla sua produzione. Solo in quel caso il giudice non può sottrarsi all'obbligo di ordinare l'esibizione degli originali.

Questo l'orientamento emerso dalla sentenza numero 10326 depositata il 13 maggio 2014 dalla Corte di Cassazione.

20 maggio 2014 · Paolo Rastelli


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accesso agli atti - ammissibile richiesta ostensione di atti relativi ad accertamento e riscossione
Il contribuente vanta un interesse concreto ed attuale all'ostensione di tutti gli atti relativi alle fasi di accertamento, riscossione e versamento, dalla cui conoscenza possano emergere vizi sostanziali procedimentali tali da palesare l'illegittimità totale o parziale della pretesa impositiva (in tal senso, l'articolo 22, comma 1, lettera b) l. numero ...
Accesso agli atti - Equitalia deve produrre copia conforme della cartella esattoriale anche se è decorso un quinquennio dalla notifica
La legge prescrive che l'esattore deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. A parere dell'agente della riscossione, dunque, dopo la notifica al debitore della ...
Accesso agli atti - Anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica, il debitore deve poter prendere visione delle cartelle esattoriali non ancora prescritte
Come previsto dalla normative vigente, il concessionario della riscossione deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. Infatti, il debitore vanta un interesse concreto ed ...
Equitalia - Regolamento di accesso agli atti
Ai sensi del presente regolamento si intende per: "diritto di accesso", il diritto di prendere visione e di estrarre copia dei documenti di cui alla lettera e) del presente articolo da parte di soggetti portatori di un interesse qualificato; "interessati", tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici ...
Equitalia » Tempi di conservazione dell'avviso di ricevimento delle raccomandate
Equitalia ha l'onere di conservare l'avviso di ricevimento delle raccomandate a/r spedite al contribuente per cinque anni. La conservazione della matrice dell'avviso di ricevimento della raccomandata presso gli uffici, infatti, è funzionale sia al diritto di accesso agli atti presentato dal contribuente, sia all'eventuale produzione in giudizio, in caso di ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accesso agli atti - obblighi di ostensione per equitalia. Clicca qui.

Stai leggendo Accesso agli atti - obblighi di ostensione per Equitalia Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 20 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria contenzioso e impugnazione cartelle esattoriali originate da multe Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca