Accertamento sintetico – Redditi esenti o soggetti a ritenuta d’imposta possono giustificare le spese ed il tenore di vita accertato


Le norme vigenti (DPR 600/73, articolo 38) consentono al contribuente, destinatario un accertamento del reddito con metodo sintetico, di dimostrare, attraverso idonea documentazione, che il maggior reddito determinato o determinabile sinteticamente è costituito, in tutto o in parte, da redditi esenti o da redditi soggetti a ritenute alla fonte a titolo di imposta. Tuttavia, l’entita’ di tali redditi e la durata del loro possesso devono risultare da idonea documentazione.

Infatti, la legge chiede qualcosa di piu’ della mera prova della disponibilita’ di ulteriori redditi (esenti ovvero soggetti a ritenute alla fonte), e, pur non prevedendo esplicitamente l’onere di dimostrare che gli ulteriori redditi sono stati utilizzati per coprire le spese contestate, esige, tuttavia, che la disponibilita’ di detti redditi risulti ancorata a fatti oggettivi (di tipo quantitativo e temporale), allo scopo di di consentire la riferibilita’ della maggiore capacita contributiva accertata con metodo sintetico, proprio a tali ulteriori redditi.

In pratica, si tratta di escludere che i redditi esenti, o soggetti a ritenuta alla fonte, siano stati utilizzati per scopi non inerenti all’accertamento sintetico (ad esempio, un ulteriore investimento finanziario) dal momento che, in tal caso, essi non sarebbero ovviamente utili a giustificare le spese e/o il tenore di vita accertato, fattori, questi ultimi, che andrebbero necessariamente ascritti a redditi non dichiarati al fisco.

Peraltro, la prova documentale richiesta non risulta essere particolarmente onerosa, potendo essere fornita, ad esempio, con l’esibizione degli estratti dei conti correnti bancari facenti capo al contribuente, idonei a dimostrare la durata del possesso dei redditi, in esenzione di imposta o soggetti a ritenuta alla fonte, sufficiente a consentire la riferibilità della maggiore capacità contributiva accertata con metodo sintetico e a giustificare le spese e/o il tenore di vita presunti.

Questo l’orientamento giurisprudenziale ribadito dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 14885/15.

1 Settembre 2015 · Giorgio Valli

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!







Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Accertamento sintetico – Redditi esenti o soggetti a ritenuta d’imposta possono giustificare le spese ed il tenore di vita accertatoAutore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 1 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nelle categorie , , Numero di commenti e domande: 0. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)