Accertamento fiscale » E' legittimo se viene dichiarato dal contribuente un reddito inferiore alla soglia di povertà ISTAT

L'imprenditore dichiara un reddito inferiore alla soglia di povertà stabilita dall'Istat (Istituto Nazionale di Statistica)? L'accertamento fiscale è alle porte.

E' legittimo l'accertamento induttivo dell'imprenditore qualora lo stesso dichiari un reddito inferiore alla soglia ISTAT di povertà.

Da quanto si apprende dalla pronuncia in esame, è indice di una situazione commerciale anomala, la circostanza che un imprenditore dichiari un reddito di inferiore alla soglia di povertà individuata dall'ISTAT. Tanto anomala da legittimare, di per sé, l'accertamento fiscale induttivo di maggiori ricavi.

A parere degli Ermellini, inoltre, spetta allora al contribuente, se vuol evitare le conseguenze, la dimostrazione di aver dichiarato quanto effettivamente guadagnato nel periodo di imposta incriminato. Diversamente, la ricostruzione del maggior reddito, con le conseguenti imposte e sanzioni, è inevitabile.

Come noto, quando l'utile dichiarato appare inverosimile ed eccessivamente basso per il tipo di attività commerciale svolta, l'accertamento fiscale è pressoché scontato e difficile da impugnare davanti al giudice.

Secondo quanto chiarito dai Giudici del Palazzaccio, infatti, un reddito dichiarato inferiore alla soglia di povertà media accertata dall'Istat è un indizio di per sé sufficiente a giustificarne la rettifica, poiché denota una situazione commerciale anomala.

Con la decisione la Corte chiarisce che, di fronte a tale comportamento antieconomico, capace di far derivare l'inattendibilità delle scritture, l'Ufficio è legittimato a dubitare della veridicità di quanto dichiarato, restando al contribuente l'onere di dimostrare l'effettiva sussistenza di un operare quasi in perdita.

21 novembre 2014 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Se il contribuente vive con i genitori, godendo di alloggio e pasti gratuiti, l'accertamento sintetico deve tener conto della complessiva posizione reddituale dell'intero suo nucleo familiare
Il fisco può sempre determinare sinteticamente il reddito complessivo del contribuente sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d'imposta, salva la prova che il relativo finanziamento è avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d'imposta, o con redditi esenti o soggetti a ...
Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene
Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell'Agenzia delle Entrate. Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l'esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14. Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati ...
Accertamento basato su parametri e studi di settore - Il contribuente può contestarne l'applicabilità
La procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici. La gravità, precisione e concordanza di tale sistema di presunzioni non è ex lege determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standards in sè considerati – meri strumenti ...
L'antieconomicità dell'attività esercitata può legittimare l'accertamento induttivo
Vero che l'accertamento induttivo non è consentito senza una ricostruzione sistematica dei ricavi fondata su dati precisi e concordanti da parte dell'Agenzia delle entrate. Tuttavia, è anche vero che l'accertamento induttivo del reddito può essere consentito anche in presenza di scritture contabili formalmente corrette, qualora la contabilità possa essere considerata ...
Accertamento fiscale tramite redditometro » Rate del mutuo sproporzionate rispetto alla dichiarazione dei redditi? Da provare gli esborsi del genitore
Accertamento fiscale con redditometro: se le rate del mutuo che il contribuente paga sono incongrue, rispetto alla dichiarazione dei redditi, va dimostrato che a onerarle è stato un familiare. Scatta il “redditometro” se il contribuente non dimostra, mediante idonea documentazione, che i soldi per comprare la casa li ha messi ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento fiscale » e' legittimo se viene dichiarato dal contribuente un reddito inferiore alla soglia di povertà istat. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento fiscale » E' legittimo se viene dichiarato dal contribuente un reddito inferiore alla soglia di povertà ISTAT Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 21 novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca