Accertamento fiscale » Inottemperanza agli inviti? Prevale la difesa

Se il contribuente dimostra di non aver potuto adempiere all’invito del fisco a comparire, poiché lontano dalla residenza per motivi di lavoro, il conseguente accertamento fiscale e la sanzione dell’agenzia delle entrate sono nulli.

La sanzione dell’inutilizzabilità dei documenti non prodotti in sede amministrativa opera solamente se l’Amministrazione abbia rivolto al cittadino un invito specifico e puntuale, accompagnato dall’avvertimento circa le conseguenze della mancata ottemperanza: la preclusione probatoria prevista dall’articolo 32 del D.P.R. n. 600/1973 dev’essere applicata in modo da non comprimere il diritto alla difesa del contribuente, obbligandolo a pagamenti non dovuti.

Ciò è quanto emerge dalla Sentenza 24595/14 della Corte di Cassazione.

Da ciò che si apprende dalla suddetta pronuncia, qualora il contribuente ottemperi in ritardo all’invito del fisco di mostrare alcuni documenti e, da tale omissione, ne derivi poi una sanzione e un accertamento fiscale, gli atti sono nulli se l’interessato riesce a dimostrare di non aver potuto adempiere all’invito perché lontano dalla residenza per motivi di lavoro.

A parere degli Ermellini, peraltro, le richieste di documenti inoltrate dall’amministrazione finanziaria devono essere sempre dettagliate e circostanziate, in modo da non comprimere il diritto alla difesa e non obbligare il contribuente a pagamenti non dovuti.

Ciò infatti, è chiarito sia dalla normativa vigente che dalla Costituzione, che esigono il dovere di collaborazione tra amministrazione fiscale e contribuente.

Dunque, se il contribuente presenta in ritardo i documenti richiesti dall’Agenzia delle Entrate, quest’ultima, prima di emettere le sanzioni e il conseguente accertamento fiscale, deve valutare le concrete ragioni che hanno determinato tale omissione.

Solo se tali ragioni non appaiano valide, può scattare la sanzione per la violazione dell’obbligo di leale collaborazione con il fisco, con il conseguente accertamento fiscale.

I giudici di piazza Cavour, inoltre, chiariscono che bisogna sempre verificare se l’amministrazione abbia fatto specifica e puntuale richiesta di determinati documenti, accompagnata dall’avvertimento circa le conseguenze della mancata ottemperanza.

20 Novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Per il fisco gli accrediti in conto corrente sono sempre redditi imponibili: a carico del contribuente, sottoposto ad accertamento fiscale, l'onere di dimostrare il contrario, indicando la provenienza e la destinazione dei singoli movimenti nonché le diverse cause giustificative
Come è noto, l'Agenzia delle Entrate può richiedere dati, notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto da banche e finanziarie con i propri clienti: il contribuente è tenuto a fornire non una prova generica, ma una prova analitica, con indicazione specifica della riferibilità di ogni versamento bancario, in modo da dimostrare come ciascuna delle singole operazioni effettuate sia estranea a fatti imponibili. Infatti, i dati e gli elementi attinenti ai rapporti ed alle operazioni acquisiti e rilevati vengono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti dalla normativa vigente, se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto ...

Nullo l'accertamento fiscale basato sui movimenti in conto corrente se il contribuente non ha svolto attività
Quando sussistono flussi finanziari che non trovano corrispondenza nella dichiarazione dei redditi, i dati risultanti dai conti correnti bancari possono essere utilizzati sia per dimostrare l'esistenza di un'eventuale attività occulta (impresa, arte o professione), sia per quantificare il reddito ricavato da tale attività, incombendo al contribuente l'onere di dimostrare che i movimenti bancari che non trovano giustificazione sulla base delle sue dichiarazioni non sono fiscalmente rilevanti. Tuttavia, la presunzione di esercizio di attività occulta basata sui movimenti dei conti bancari del contribuente viene superata se il contribuente dimostra che nell'anno d'imposta non ha svolto attività imprenditoriale o professionale. Sono queste ...

Avviso di accertamento - illegittimo se emesso prima di 60 giorni dalla verifica fiscale
All'esito della verifica fiscale, ci sono 60 giorni di tempo per il contribuente per presentare osservazioni e richieste; l'avviso di accertamento emesso prima dei 60 giorni è illegittimo. La Cassazione a Sezioni Unite, con sentenza del 29 luglio 2013, ha ribadito il principio secondo cui l'avviso di accertamento non può essere emanato prima di sessanta giorni dal compimento della verifica fiscale (e dalla consegna del relativo verbale al contribuente). Questo perchè l'articolo 12, comma 7, della Legge numero 212/2000 ("Statuto del contribuente") prevede che il contribuente ha diritto di presentare le proprie osservazioni e richieste entro sessanta giorni dalla consegna ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento fiscale » inottemperanza agli inviti? prevale la difesa. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento fiscale » Inottemperanza agli inviti? Prevale la difesa Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anna Carmela Carchia 20 Novembre 2014 at 21:37

    Volevo sapere cosa possono fare i recupero crediti! Se non paghi e loro ti minacciano che iniziano a mandare lettere e telegrammi. Se mi arriva una raccomandata la devo ritirare? Rischio qualcosa Sono nullatenente senza lavoro. Lavora solo mio marito e paghiamo l’affitto.