Accertamento da tovagliometro - Prima o poi al ristorante dovremo portarci i tovaglioli (in nero) da casa

L'accertamento con metodo analitico induttivo, con il quale l'Agenzia delle entrate procede alla rettifica di componenti reddituali, è consentito, pure in presenza di contabilità formalmente tenuta, dal momento la disposizione presuppone, appunto, scritture regolarmente tenute e, tuttavia, contestabili in forza di valutazioni condotte sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti che facciano seriamente dubitare della completezza e fedeltà della contabilità esaminata.

In particolare, in tema di accertamento presuntivo del reddito d'impresa è legittimo l'accertamento che ricostruisca i ricavi di un'impresa di ristorazione sulla base del consumo unitario dei tovaglioli utilizzati (risultante, per quelli di carta, dalle fatture o ricevute di acquisto, e per quelli di stoffa, dalle ricevute della lavanderia), costituendo dato assolutamente normale quello secondo cui, per ciascun pasto, ogni cliente adoperi un solo tovagliolo e rappresentando, quindi, il numero di questi un fatto noto idoneo, anche di per sè solo, a lasciare ragionevolmente e verosimilmente presumere il numero dei pasti effettivamente consumati.

Naturalmente sarà necessario sottrarre dal totale una certa percentuale di tovaglioli normalmente utilizzati per altri scopi, quali i pasti dei soci e dei dipendenti, l'uso da parte dei camerieri, le evenienze più varie per le quali ciascun cliente può essere indotto ad utilizzare più tovaglioli.

Così i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 20060/14.

Sorge spontanea la domanda: all'Agenzia delle entrate nessuno ha pensato, almeno per le imprese alberghiere, ad un accertamento analitico induttivo basato sul consumo di carta igienica da parte dei clienti?

10 ottobre 2014 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento da tovagliometro - prima o poi al ristorante dovremo portarci i tovaglioli (in nero) da casa. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento da tovagliometro - Prima o poi al ristorante dovremo portarci i tovaglioli (in nero) da casa Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 10 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Pietro Paolo Boiano 1 novembre 2014 at 18:28

    LA CORTE DI CASSAZIONE RENDE GIUSTIZIA AL DILAGARE DI UNA MEGAGALATTICA EVASIONE FISCALE.

    • Ludmilla Karadzic 1 novembre 2014 at 18:43

      Abbiamo compreso con chiarezza che lei è contro l’evasione fiscale, senza se e senza ma. Qui lo siamo tutti, anche se molto spesso rileviamo che l’Amministrazione finanziaria ed i giudici di legittimità sanno essere spietati contro i piccoli evasori, un po’ meno con i grandi.

      Ciò chiarito, rileviamo che il suo secondo intervento, ribadendo un concetto da lei già espresso senza aggiungervi valore, comincia a sconfinare nello spam.




Cerca