Accertamento fiscale » Utilizzo delle presunzioni supersemplici

Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell’Agenzia delle Entrate.

Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l’esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14.

Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati sulla base dei consumi di energia elettrica: l’accertamento fiscale induttivo operato dall’Amministrazione nei confronti di una ditta, per la Cassazione, non merita di essere dichiarato illegittimo perché il contribuente è incapace di fornire la prova dei fatti a fondamento della pretesa tributaria.

A parere degli Ermellini, infatti, in tema di valutazione della prova presuntiva in ordine all’esistenza di maggiori ricavi, il Fisco può utilizzare qualsiasi elemento probatorio e può fare ricorso al metodo induttivo.

Ciò, avvalendosi anche di presunzioni supersemplici, ovvero presunzioni prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza, le quali determinano un’inversione dell’onere della prova.

In tale fattispecie, dunque, è il contribuente che deve dedurre elementi contrari intesi a dimostrare che il reddito non è stato prodotto o è stato prodotto in misura inferiore a quella accertata.

Ebbene, nella fattispecie, il Fisco procedeva nei confronti del titolare di una ditta, che presentava una contabilità regolare ma sostanzialmente priva di garanzia e affidabilità,.

L’accertamento era stato eseguito calcolando i maggiori ricavi sulla base delle informazioni raccolte in loco nonché del consumo di energia e dell’ubicazione dell’azienda.

Il contribuente, regolarmente invitato dall’ufficio a fornire in contradditorio elementi a suo favore, non giustificava adeguatamente lo scostamento dagli studi di settore.

7 Ottobre 2014 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accertamento fiscale tramite redditometro » Illegittimo se si prova la simulazione nell'acquisto del bene
No all'accertamento tramite lo strumento del redditometro se si prova la simulazione nell'acquisto del bene: per il contribuente è sufficiente la dimostrazione del mancato passaggio di denaro. È illegittimo l'accertamento da redditometro fondato su un incremento patrimoniale che il contribuente ha dimostrato essere solo simulato. Tra le prove contrarie, infatti, è ammessa anche la dimostrazione che l'esborso non è avvenuto e che pertanto non sussisteva una reale disponibilità economica. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 21442/14. Da quanto si evince dalla suddetta pronuncia, al fine di contestare l'avviso di accertamento tramite redditometro, fondato sul metodo ...

Come contestare un avviso di accertamento fiscale con la produzione della documentazione bancaria
Nelle ipotesi di omessa presentazione della dichiarazione da parte del contribuente, la legge abilita l'Ufficio delle imposte a servirsi di qualsiasi elemento probatorio ai fini dell'accertamento del reddito e, quindi, a determinarlo anche con metodo induttivo ed anche utilizzando, in deroga alla regola generale, presunzioni semplici prive dei requisiti di cui al dpr 600/1973. A fronte della legittima prova presuntiva offerta dall'Ufficio, incombe sul contribuente l'onere di dedurre e provare i fatti impeditivi, modificativi o estintivi della pretesa fiscale. Ma, quali requisiti deve avere la prova contraria, posta a carico del contribuente, per dimostrare assenza di redditi imponibili, ovvero che ...

Illegittimo l'accertamento fiscale relativo ad una annualità in presenza di ricavi e compensi congrui rispetto agli studi di settore più aggiornati
Com'è noto, la procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è ex lege determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standards in sé considerati, meri strumenti di ricostruzione per elaborazione statistica della normale redditività, ma nasce solo in esito al contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell'accertamento, con il contribuente. In tale sede, quest'ultimo ha l'onere di provare, senza limitazione alcuna di mezzi e di contenuto, la sussistenza di condizioni che giustificano l'esclusione dell'impresa dall'area dei soggetti cui ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento fiscale » utilizzo delle presunzioni supersemplici. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento fiscale » Utilizzo delle presunzioni supersemplici Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 7 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)