Accertamento alcolemico precursore e probatorio - Il rifiuto di sottoporsi al test probatorio costituisce sempre reato se il conducente non prova l'abuso di potere dell'agente di polizia

La Corte Costituzionale ha escluso la sussistenza di vizi di costituzionalità nella facoltà concessa gli agenti di polizia di accompagnare il conducente, per il prelievo di sangue, presso idonee strutture. La Consulta osserva, infatti, che il conducente da sottoporre a test alcoolemici e/o inerenti all'uso recente di sostanze stupefacenti non subisce coartazione alcuna, potendosi rifiutare in caso di ritenuto abuso di potere da parte dell'agente, anche se il rifiuto opposto può essere utilizzato, in base al comma 8 dell'articolo 187 del Codice della strada, come un autonomo titolo di reato perpetrato dal conducente stesso qualora, ad esito di una verifica dei fatti, non emergano abusi di potere ed il giudice ritenga giustificato il convincimento dell'agente di polizia finalizzato a tutelare la sicurezza della circolazione.

Pertanto, l'accompagnamento del conducente presso il più vicino ufficio o comando di polizia deve essere qualificato come dovere di collaborazione, soggetto a sanzione penale, in caso di rifiuto (al pari di quanto avviene in numerose altre ipotesi di reati di disobbedienza).

Al riguardo, non deve trarre in inganno il fatto che la Corte di Cassazione (con la sentenza 21192/2012) abbia escluso la configurabilità del reato di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti. Nella circostanza esaminata, infatti, il conducente si era rifiutato di essere accompagnato ad un comando di polizia per sottoporsi ad un accertamento cosiddetto precursore (eseguito con il palloncino, ad esempio), che costituisce fattispecie ben diversa dall'accertamento probatorio.

L'accertamento etilometrico precursore rileva solo la concentrazione di alcol nell'aria espirata. Se il precursore segnala la presenza di alcol nell'aria espirata, allora si procede con l'alcol test probatorio (etilometro) per verificare la percentuale di alcol presente nel sangue. L'etilometro viene usato senza avvalersi del precursore solo in caso di incidenti stradali o guida in stato d'ebbrezza evidente.

Quanto fin qui esposto emerge dalla lettura della sentenza della Corte di cassazione, sezione penale, 10555/2018.

10 marzo 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Guida in stato di ebbrezza » L'alcol test non è valido se la polizia omette di avvisare che si può effettuare in presenza di un legale di fiducia
Guida in stato d'ebbrezza: in caso di alcol test, la Polizia deve informare l'automobilista che ha il diritto preciso di effettuare l'alcol test solo in presenza di un proprio avvocato. Se la polizia sottopone all'alcol test l'automobilista, senza avvisarlo che durante la prova può essere assistito da un avvocato, l'omesso ...
Guida in stato di ebbrezza » Il trasgressore non può rifiutarsi di seguire gli agenti in commissariato se lo stesso si trova nelle vicinanze
Conducente fermato per sospetta guida in stato di ebbrezza viene invitato al Comando per il controllo con l'etilometro? Non può rifiutarsi di seguire gli agenti se la stazione si trova nelle vicinanze. Il conducente che si oppone alla richiesta dei Carabinieri di recarsi con loro al Comando per sottoporsi all'etilometro ...
Accertamento della paternità - Rifiuto del presunto padre di sottoporsi ad indagini ematologiche
Nel giudizio promosso per l'accertamento della paternità, il rifiuto di sottoporsi ad indagini ematologiche costituisce un comportamento valutabile da parte del giudice di così elevato valore indiziario, da poter da solo consentire la dimostrazione della fondatezza della domanda. Secondo i giudici di legittimità (sentenza 16226/15), nel giudizio diretto ad ottenere ...
Accertamento della paternità naturale - Il rifiuto di sottoporsi ad indagini ematologiche costituisce indizio determinante
Nel giudizio promosso per l'accertamento della paternità naturale, il rifiuto di sottoporsi ad indagini ematologiche, anche in mancanza di prova dell'esistenza di rapporti sessuali fra le parti, costituisce un comportamento valutabile da parte dei giudice, di così elevato valore indiziario da potere, anche da solo, consentire la dimostrazione della fondatezza ...
Sanzioni per il reato di guida in stato di ebbrezza - Il vademecum
In questo articolo parleremo delle sanzioni cui va incontro chi si mette alla guida di un veicolo in stato di ebbrezza, rapportandole al livello di alcolemia che viene riscontrato in caso di incidente o a seguito di un normale controllo su strada delle forze dell'ordine. L'auspicio è che queste righe ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento alcolemico precursore e probatorio - il rifiuto di sottoporsi al test probatorio costituisce sempre reato se il conducente non prova l'abuso di potere dell'agente di polizia. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento alcolemico precursore e probatorio - Il rifiuto di sottoporsi al test probatorio costituisce sempre reato se il conducente non prova l'abuso di potere dell'agente di polizia Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 10 marzo 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 10 marzo 2018 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca