Accertamenti fiscali notificati con PEC » Sono tutti nulli

Sono da considerarsi nulli tutti gli accertamenti fiscali notificati con la Posta elettronica certificata, meglio nota come Pec.

La notifica a mezzo Pec se non è espressamente prevista da una norma deve ritenersi esca fuori dal modello delle notificazioni e nessuna norma autorizza che possa avvenire la notifica di un accertamento e/o di una rettifica a mezzo Pec.

Trattandosi di inesistenza della notifica e non di nullità, non può trovare applicazione la sanatoria invocata dall’ufficio doganale.

Ciò è quanto deciso dalla Commissione Tributaria Provinciale di Milano con la sentenza 6087/2014.

A parere dei giudici della Commissione tributaria, gli atti dell’amministrazione fiscale inviati attraverso la Pec sono del tutto illegittimi per nullità insanabile della notifica, e ciò per una chiara ed evidente ragione: la legge non prevede tale forma di comunicazione per quanto riguarda gli accertamenti fiscali.

Praticamente, tutte le notifiche inviate al contribuente devono ancora seguire il sistema tradizionale della notifica a mezzo servizio postale.

E’ in errore, dunque, l’Agenzia delle Entrate quando utilizza il modello elettronico PEC per accertamenti fiscali ed altre notifiche ai contribuenti: il sistema necessita di un intervento legislativo che ancora non è avvenuto.

Da ciò ne conviene, secondo l’interpretazione dei giudici meneghini, che la Pec, in assenza di una espressa previsione per quanto attiene agli accertamenti, si deve considerare totalmente al di fuori dello schema legale e, quindi, non suscettibile di sanatoria.

In conclusione, anche a costo di rinunciare alle proprie pretese fiscali, il Fisco deve fare marcia indietro ed affidarsi al postino se non vuole essere condannato a pagare anche le spese processuali.

10 Settembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartelle esattoriali notificate tramite posta elettronica certificata (Pec) » Scopriamo come funziona
A partire dal 1 giugno 2016 sussiste la possibilità di vedersi notificata, per chi ne abbia disponibilità, una o più cartelle esattoriali tramite posta elettronica certificata (PEC): scopriamo come funziona nel prosieguo dell'articolo. Come già ampiamente esplicato nel nostro blog, ignorare una cartella esattoriale o far finta di non aver visto un avviso di giacenza nella propria cassetta postale (che riguardi una cartella o una multa cambia poco) non è affatto raccomandabile ed anzi può comportare notevoli inconvenienti e problematiche difficilmente risolvibili, nonché aggravi di costi e disagi. Arriva quindi come una buona notizia, la possibilità di ricevere le notifiche ...

No agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » Ecco quando non vanno applicati gli studi di settore
Niente accertamenti fiscali per lo studente-lavoratore. In caso di accertamento basato sui parametri o sugli studi di settore, il contribuente può fare leva sul concomitante impegno universitario che ha sottratto tempo all'attività di lavoro autonomo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22949/14. Per chiarire la diatriba, cominciamo dicendo che, in base agli studi di settore, il fisco presume degli standard minimi di reddito da parte di determinate categorie di contribuenti. Ad esempio, per i professionisti, dichiarare un reddito inferiore allo standard, ovvero non essere congrui fa scattare il campanellino di allarme all'Agenzia delle Entrate, la ...

Avvisi di accertamento fiscali via posta elettronica certificata - Possono essere inoltrati anche ad un comune cittadino dotato di PEC?
Due domande: 1. Il servizio di avviso SMS, tanto pubblicizzato, riguarda anche gli avvisi di accertamento? (Si parla genericamente di comunicazioni). 2. E' possibile chiedere la notificazione degli atti dell'agenzia delle entrate ad un indirizzo pec, per un comune cittadino? Dalla lettura del attuale versione della art. 60 lettera f del DPR. 600/73, sembrerebbe di si (almeno a partire dal 1° luglio ca). Tuttavia io non sono esperto della materia, né di leggi. Nelle more della piena operatività dell'anagrafe nazionale della popolazione residente, per i soggetti diversi da quelli obbligati ad avere un indirizzo di posta elettronica certificata da inserire ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamenti fiscali notificati con pec » sono tutti nulli. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamenti fiscali notificati con PEC » Sono tutti nulli Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 10 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)