Abusivo esercizio della professione » Consigli dai non esperti

Commette il reato di abusivo esercizio della professione chi senza il titolo idoneo, somministra consigli su stile di vita e alimentazione allo scopo di dimagrire, in base all’anamnesi del cliente?

Sembra proprio che sia così, per fortuna.

Infatti, la Corte di Cassazione, sezione penale, con la pronuncia numero 15006 del 2 Aprile 2013, ha sancito che: Laddove siano messe in pratica attività tipiche della professione di medico dietista consigliando ai clienti uno stile di vita e una sana natura alimentare sulle basi della lettura delle analisi del sangue richieste per la visita, senza il titolo idoneo, commette reato di abusivo esercizio di una professione.

Con questa sentenza, gli Ermellini hanno confermato la condanna per abusivo esercizio della professione medica, a carico di una coppia di coniugi.

Abusivo esercizio della professione – Il fatto

Lui commercialista “naturopata”, lei psicologa, gestivano un centro dal nome “Dimagrire Mangiando”, dove i due sottoponevano i clienti a vari controlli, interpretando loro stessi gli esiti e fornendo consigli di natura alimentare, sulle basi della lettura delle analisi del sangue che richiedevano per la visita.

Condannati in primo grado e in appello, per il reato di abusivo esercizio della professione, ricorrono in cassazione.

Ma, La Suprema Corte, ha dichiarato inammissibile il ricorso.

La sesta sezione penale, infatti, ha ritenuto la coppia non idonea a rivestire le attività messe a frutto nel centro.

La responsabilità dei coniugi è stata confermata dai giudici in considerazione dello svolgimento, in modo continuativo, di attività, quali il controllo sulle intolleranze alimentari, la verifica dei bisogni nutritivi e della corretta assunzione di alimenti, tipiche del medico chirurgo specializzato in scienze dell’alimentazione.

Pertanto, il ricorso è stato ritenuto inammissibile e ai due “santoni” è stata confermata la pena decisa in appello, con in più, la condanna al pagamento delle spese processuali.

4 Aprile 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando Equitalia può pignorare gli strumenti indispensabili all'esercizio della professione
Gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati da Equitalia nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall'ufficiale esattoriale o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito. La custodia di beni pignorati è sempre affidata al debitore ed il primo incanto non può aver luogo prima che siano decorsi trecento giorni dal pignoramento stesso. In tal caso, il pignoramento perde efficacia quando dalla sua esecuzione sono trascorsi trecentosessanta giorni senza che sia stato effettuato il ...

Creditore mostra pistola al debitore - Si tratta di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e non di violenza privata
Ci si chiede se la condotta posta in essere dal creditore, che recatosi presso il debitore appoggia la pistola su di una scrivania formulando la pretesa di rimborso di un'obbligazione peraltro legittima, oltrepassi o meno i limiti dell'esercizio arbitrario delle proprie ragioni, integrando il ben più grave reato di tentativo di violenza privata. Si tratta di stabilire se l'esibizione dell'arma sia incompatibile con il ragionevole intento di far valere il proprio diritto di credito, peraltro già riconosciuto dal tribunale che aveva emesso decreto ingiuntivo, opposto dal debitore. Al quesito hanno risposto i giudici della quinta sezione penale della Corte di ...

Recupero crediti e violenza al debitore - Differenza fra esercizio arbitrario delle proprie ragioni ed estorsione
I reati di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e di estorsione si distinguono in relazione all'elemento psicologico: nel primo, l'agente persegue il conseguimento di un profitto nella convinzione ragionevole, anche se infondata, di esercitare un suo diritto, ovvero di soddisfare personalmente una pretesa che potrebbe formare oggetto di azione giudiziaria. Nell'estorsione, invece, l'agente persegue il conseguimento di un profitto, pur nella consapevolezza di non averne diritto. Tuttavia, l'elevata intensità o gravità della violenza o della minaccia non può, di per sè, legittimare la qualificazione del fatto come estorsione, dal momento che il legislatore prevede che pure l'esercizio arbitrario delle proprie ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su abusivo esercizio della professione » consigli dai non esperti. Clicca qui.

Stai leggendo Abusivo esercizio della professione » Consigli dai non esperti Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 4 Aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)