Decisione dell'ABF » Banca obbligata al rimborso dei diritti di stipula dei propri mutui

Alcune ultime decisioni dell'Arbitro Bancario e Finanziario (ABF) hanno dato ragione alla clientela che chiedeva la restituzione delle somme richieste per il cosidetto diritto di stipula che un'istituto di credito, BHW, faceva corrispondere al cliente prima della richiesta mutuo.

Il farraginoso mutuo di una banca tedesca, la BHW per l'appunto, prevedeva per il cliente un complicato sistema di accumulo di versamenti di denaro su un conto risparmio edilizio che davano luogo, in un secondo tempo, al diritto di poter richiedere e stipulare un mutuo vero e proprio definito come mutuo di assegnazione.

La banca, ancorprima di elargire il mutuo effettivo e già al momento della stipula del contratto di risparmio edilizio, faceva corrispondere alla clientela una percentuale del 1% del futuro mutuo richiesto come diritto ad esercitare l'opzione di richiedere il mutuo futuro. Un costo paragOnabile alla tipica istruttoria richiesta dai nostrani istituti di credito.

I clienti che hanno ricorso ad ABF hanno tutti lamentato che rinunciando a portare avanti i versamenti nel conto di risparmio e chiedendone la restituzione, la banca non abbia rimborsato anche il diritto di stipula corrisposto al momento della sottoscrizione del contratto.

Lo stesso non veniva rimborsato anche in altri casi analizzati da ABF dove, al termine del periodo di risparmio, al cliente addiritturanon veniva concesso il previsto mutuo per l'assenza sufficienti garanzie reddituali.

A tutti gli effetti, la banca si atteneva nella forma e nel rispetto dell'articolo del contratto di risparmio dove era espressamente riportato che in caso di rinuncia del cliente a portare avanti il conto risparmio o anche in caso di rinuncia all'assegnazione del mutuo, suddetto diritto di stipula non sarebbe stato restituito.

L'ABF ha invece intimato la banca di provvedere alla restituzione degli importi contestati intravedendo nel diritto di stipula non rimborsato, a tutti gli effetti, una penale di estinzione ormai non più prevista dalla legge.

Considerato la trascorsa discreta diffusione dei contratti di risparmio edilizio BHW e considerato che, nel 2102, a seguito del ritiro della banca dal nostro mercato, molta della clientela risparmiatrice ha di conseguenza rinunciato a proseguire il risparmio edilizio recedendo dal contratto, immaginiamo quante somme siano state finora ingiustamente trattenute dalla banca e quanta clientela non sia stata ancora rimborsata dell'esoso e famigerato diritto di stipula.

Ricordate: solo ricorrendo singolarmente presso l'ABF si può ottenere il rimborso.

30 dicembre 2013 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La surrogazione (o surroga) del mutuo – cambiamo banca e condizioni senza estinguere il mutuo
La surrogazione del mutuo è uno strumento per far conseguire risparmi ai mutuatari, previsto dalla Legge 40/2007 (legge Bersani). Con la surrogazione del mutuo, il mutuatario può accordarsi con una nuova banca per avere un altro mutuo senza la necessità di estinguere quello con la banca originaria, che non può ...
Clausole vessatorie su mutuo e conto corrente
Il testo coordinato del decreto legge 24 gennaio 2012, numero 1 Articolo 28 1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 183 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, numero 209, e dalle relative disposizioni e delibera dell'ISVAP di attuazione in materia di interesse degli intermediari ...
Stipula del mutuo » Fare attenzione alle clausole vessatorie
Le clausole vessatorie sono quelle condizioni che all'interno di un contratto di tra un professionista e un consumatore determinano uno squilibrio significativo a danno di quest’ultimo e delle quali si può far valere la nullità. Lo stesso vale anche nel caso dei contratti di mutuo, in cui ci sono una ...
Contratto di risparmio edilizio - In caso di recesso il diritto di stipula va restituito al cliente
Il contratto di risparmio edilizio (cd. Bausparvertrag) costituisce una particolare forma di mutuo immobiliare, sorta in Germania e disciplinata dalla legge tedesca. In particolare, il regolamento contrattuale si articola in due fasi, una di accumulo e una successiva di mutuo, secondo uno schema che consente al cliente di accumulare, in ...
La banca è obbligata a rinegoziare solo i mutui a tasso variabile per acquisto prima casa
Non esiste un generico diritto alla rinegoziazione del contratto di mutuo: la rinegoziazione del mutuo presuppone, infatti, una nuova definizione consensuale del contenuto del regolamento negoziale. In altri termini, la modifica delle condizioni economiche di un contratto di mutuo, traducendosi in una facoltà concessa ad entrambe le parti e non ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decisione dell'abf » banca obbligata al rimborso dei diritti di stipula dei propri mutui. Clicca qui.

Stai leggendo Decisione dell'ABF » Banca obbligata al rimborso dei diritti di stipula dei propri mutui Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 30 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca