Vizi nella vendita coattiva dell'immobile pignorato - L'esito fruttuoso non sana la nullità della procedura

L'ordinanza del giudice dell'esecuzione che fissa le modalità della vendita dell'immobile pignorato va rispettata alla lettera, visto che tali modalità, comprese quelle relative alla pubblicità, sono state ritenute indispensabili all'espletamento della vendita coattiva stessa nelle migliori condizioni possibili in relazione al contesto in cui essa avrebbe dovuto avere luogo.

Ai fini di sanatoria della nullità della vendita dell'immobile pignorato non può essere richiamato l'esito fruttuoso comunque conseguito: da un lato, perché sulla procedura di vendita deve prevalere l'esigenza di trasparenza e legalità dal momento che l'unica gara corretta non è quella che comunque raggiunge un esito, ma solo quella che si svolge secondo le regole fissate, perfino, ed anche, se quell'esito poi non raggiungesse; dall'altro lato e soprattutto perché, dinanzi ad un procedimento connotato da tante variabili, non c'è alcuna possibilità di escludere che, nel rispetto delle condizioni formalmente imposte dal giudice dell'esecuzione per lo svolgimento delle operazioni di vendita, non si sarebbe conseguito un risultato anche migliore.

In definitiva, è proprio l'imponderabilità degli sviluppi di una gara svolta con modalità di pubblicità (e quindi di sollecitazione ad un pubblico indifferenziato e potenzialmente indeterminato) diverse ed ulteriori così come espressamente valutate idonee dal giudice dell'esecuzione, ad impedire di qualificare comunque raggiunto il migliore risultato possibile dalla vendita: il quale non è soltanto il conseguimento di un prezzo almeno pari a quello di stima, ma di un prezzo il più elevato possibile, onde potere soddisfare nella misura massima possibile le ragioni creditorie azionate e restituire un eventuale residuo al debitore.

Così hanno ragionato i giudici della Corte di cassazione redigendo la sentenza 9255/15.

19 ottobre 2015 · Chiara Nicolai

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

pignoramento ed espropriazione della casa - procedura ordinaria, pignoramento esattoriale - immobiliare e mobiliare, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di sequestro pignoramento ed espropriazione

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su vizi nella vendita coattiva dell'immobile pignorato - l'esito fruttuoso non sana la nullità della procedura. Clicca qui.

Stai leggendo Vizi nella vendita coattiva dell'immobile pignorato - L'esito fruttuoso non sana la nullità della procedura Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura ordinaria Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca