Viterbo: i carabinieri smantellano una banda per il recupero crediti - notificati tre avvisi di garanzia per estorsione

Estorsione, notificati dai carabinieri di Civitavecchia tre avvisi di garanzia ad altrettante persone di Civitavecchia e Tarquinia.

I militari hanno eseguito anche tre ordinanze di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata all'estorsione, nei confronti di G.M. classe ‘51, L.B. classe ‘67 e C.S. classe ‘58.

Le ordinanze sono state emesse dal Gip presso il Tribunale di Civitavecchia, su richiesta della Procura della Repubblica, a seguito d'indagini condottea dal Nucleo Operativo della Compagnia di Civitavecchia.

Indagini che sono partite a novembre quando un commerciante civitavecchiese denunciò di essere stato minacciato telefonicamente da ignoti che pretendevano centocinquantamila euro.

Le indagini hanno portato all'identificazione di un gruppo di tre persone residenti in Tarquinia, che si dedicavano stabilmente all'attività illecita di recupero crediti, oggetto di contenziosi tra privati, generalmente non ricorribili attraverso le vie legali ordinarie.

Intercettazioni e di pedinamenti hanno consentito d'individuare altre vittime che minacciate e che hanno pagato per anni somme indebite di denaro agli arrestati (per una somma complessiva di circa ventimia euro.

Questi ultimi, assunti illegalmente da potenziali creditori (sebbene episodicamente), ripartivano equamente il provento illegittimamente estorto con il loro committente.

Attraverso l'attività di intercettazione telefonica i militari sono arrivati aun primo significativo risultato operativo a gennaio, quando due componenti dell'organizzazione, G.M. 57enne e L.B. 41enne, sono stati colti in flagranza di reato di estorsione mentre intascavano mille euro dal titolare di una sala giochi in un noto centro commerciale di Tarquinia.

Le perquisizioni successive all'arresto hanno consentito di sequestrare nelle abitazioni degli indagati documentazione attraverso la quale si è capito come la banda operava normalmente, come rilevato dall'elevato numero di vittime, dopo essere stata contattata da diversi committenti che all'occorrenza si rivolgevano alla banda per l'illecita riscossione di crediti vantati verso gli stessi imprenditori/commercianti.

Con tanto di tariffario che variava in base alla consistenza dell'illecito credito da riscuotere e dalla personalità del soggetto da colpire.

Le indagini hanno permesso d'individuare tra i committenti del gruppo di estorsori anche un avvocato di Civitavecchia che non potendo ricorrere al giudice per l'indebita pretesa che vantava nei confronti di terzi, ha pensato di assoldare la banda per la riscossione.

da Tuscia web

2 luglio 2008 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

attualità gossip politica

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su viterbo: i carabinieri smantellano una banda per il recupero crediti - notificati tre avvisi di garanzia per estorsione. Clicca qui.

Stai leggendo Viterbo: i carabinieri smantellano una banda per il recupero crediti - notificati tre avvisi di garanzia per estorsione Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2

Altre info



Cerca