Verifica del verbale di multa

La prima verifica consiste nel controllare che fra data di contestazione dell'infrazione e data della notifica della multa non siano passati più di 90 giorni.

Alla notifica di una multa possono provvedere i vigili urbani, i messi comunali, gli ufficiali giudiziari. In qualche caso la Pubblica Amministrazione può ricorrere ai servizi postali e, dunque, alla notifica provvede una addetto dell'ufficio postale.

La notifica della multa può avvenire:

a) con la consegna diretta della multa al destinatario presso la sua residenza;

b) attraverso consegna dell'atto ad altra persona presente nell'abitazione del destinatario;

c) mediante consegna al portiere tramite i servizi di notifica postali

d) mediante consegna al portiere tramite servizi di notifica diversi da quelli postali ;

e) tramite deposito al comune dell'ultima residenza conosciuta (o luogo di nascita) e affissione al comune; in caso di irreperibilità temporanea, irreperibilità per domicilio sconosciuto o rifiuto di altre persone a ricevere la multa;

f) tramite deposito del plico presso l'Ufficio postale a fronte di irreperibilità temporanea del destinatario o rifiuto di altre persone a ricevere la multa, quando la notifica è effettuata avvalendosi dei servizi postali;

g) mediante consegna al vicino di casa.

Nei casi (d) (e)  (f)  (g) deve contestualmente essere inviata al destinatario una raccomandata a/r che lo avverta rispettivamente della consegna al portiere (d), del deposito al comune (e) , della giacenza presso l'ufficio postale (f), dell'avvenuta consegna al vicino (g).

Attenzione: nel caso (c) quando la notifica è effettuata a mezzo di servizi postali non era previsto l'invio al destinatario di raccomandata a/r per avvertirlo della avvenuta consegna del plico al portiere. E' intervenuta successivamente la sentenza della corte di Cassazione numero 1258/2007, con la quale è stato decretato che la notifica al portiere è valida solo a condizione che l'ufficiale giudiziario dia atto non solo dell'assenza del destinatario ma anche delle vane ricerche delle altre persone abilitate a ricevere l'atto. La relata di notifica, in sostanza, deve attestare l'assenza del destinatario e di tali persone. Questa sentenza ha confermato inoltre l'orientamento di Cassazione secondo cui, anche nel caso di notifica al portiere  - quindi in luoghi diversi da quelli ove il destinatario ha uno “stretto dominio” - sia necessario l'invio di un avviso per raccomandata a/r. La mancanza di tale invio costituisce un vizio tale da comportare la nullità’ della notifica. Dunque, Nei casi di consegna al portiere o al vicino di casa, il destinatario deve ricevere notizia della notifica tramite raccomandata a/r. In caso di notifica a mezzo posta questa regola, ovvero l'obbligo di avvisare il destinatario riguardo alla consegna fatta nelle mani del portiere tramite un'ulteriore raccomandata a/r, è valida per le notifiche effettuate a partire dal 1/3/2008

Nel caso (e) - notifica attraverso messi, vigili urbani  o ufficiali giudiziari - la notifica si dà per avvenuta (perfezionata) il giorno successivo a quello dell'affissione all'albo comunale. La data di affissione nell'albo comunale coincide quasi sempre con il giorno successivo a quello in cui viene redatta la relazione di notifica di irreperibilità del destinatario , comunque, si evince dalla visura degli atti. Anche qui, una sentenza della Corte Costituzionale (3/2010) ha uniformato i due tipi di notifica prevedendo che la notifica per giacenza effettuata dal messo comunale o ufficiale giudiziario si dà per perfezionata decorsi 10 giorni dalla ricezione della raccomandata di avviso o comunque dall'invio della stessa. Questa decisione. spiegano i giudici, allo scopo di assimilare questa notifica con quella postale, dove già i 10 giorni vengono conteggiati.

Nel caso (f)  - consegna tramite deposito del plico presso l'Ufficio postale - la notifica si intende effettuata a partire dal decimo giorno successivo a quello in cui l'ufficio postale ha inviato al destinatario raccomandata a/r per avvertirlo del deposito. La contravvenzione resta, di solito,  sei mesi presso l'ufficio postale disponibile per il ritiro da parte del destinatario. Quindi viene riconsegnata all'Ufficio Contravvenzioni del Comune per compiuta giacenza. Anche in questo caso la data di avvenuta notifica si può evincere dalla visura della ricevuta di avvenuto invio della prescritta raccomandata a/r.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su verifica del verbale di multa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Nino 16 giugno 2010 at 12:31

    Ma quando non c'è il portiere e la buca della posta è rotta e chiunque la può aprire e tu non trovi gli avvisi postali?

    • cocco bill 16 giugno 2010 at 17:50

      Buongiorno Nino. Il suo quesito andrebbe riportato nella sezione "multe e ricorsi" di questo forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è ovviamente necessaria per poter ottenere risposta.

      Lei potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

    1 151 152 153