VALENZA PROBATORIA DEGLI STUDI DI SETTORE

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La Corte di Cassazione ha confermato la recente sentenza delle Sezioni Unite, numero 26635/2009, secondo cui gli studi di settore non hanno autonoma valenza probatoria ma devono essere confermati da altri elementi. Si ricorda, inoltre, che l'unico caso in cui è possibile attribuire capacità probatoria agli studi è quello in cui il contribuente abbia rifiutato l'invito al contraddittorio ritualmente ricevuto (C.Cass. sent. numero 18227 del 5 agosto 2010).

8 novembre 2010 · Diego Conte

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.