Una guida per comprendere meglio il mondo dei contratto di prestito

L'oscuro mondo dei contratti di prestito » Facciamo luce su diritti e doveri del consumatore/debitore

Il nostro ordinamento giuridico regolamenta gli strumenti attraverso i quali i cittadini possono ottenere prestiti o dilazioni di pagamento: le carte di pagamento, i contratti di credito al consumo e la cessione del quinto dello stipendio o pensione, più altre forme di prestito, non meno importanti.

Vediamo dunque, soffermandoci uno per uno, tutte le tipologie di contratto di prestito nel seguito dell'articolo.

Il credito al consumo in generale

Il credito al consumo è la concessione, nell'esercizio di un'attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di una persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta.

Il credito al consumo, quindi, è rivolto esclusivamente al singolo individuo ed alle famiglie, che necessitano del credito per far fronte a proprie spese ed usufruiscono della possibilità di rimborsarlo in forma rateale.

Si tratta, quindi, di prestiti concessi ai consumatori che necessitano di un aiuto finanziario per la pianificazione di spese per acquisto di beni di consumo durevoli o non e/o di servizi.

Questo sistema di finanziamento, originariamente, era previsto per gli acquisti importanti di una famiglia, quali l'automobile o l'arredamento della casa, ad elevato impatto sul bilancio familiare e relativi a beni con una vita utile pluriennale.

Con l'evoluzione della società dei consumi e delle opportunità ed esigenze legate alle condizioni di benessere, la gamma delle operazioni finanziabili e, quindi, dei beni e servizi che possono essere acquistati attraverso questo sistema di finanziamento si è notevolmente ampliato.

Così oggi, come è noto, si acquistano a rate gli elettrodomestici, ma anche smartphone e personal computer, lettori DVD, vacanze e viaggi.

Il credito al consumo può essere concesso soltanto da banche, società di intermediazione finanziaria iscritte nell'apposito albo tenuto presso l'Ufficio Italiano dei Cambi e dai commercianti (fornitori e distributori di beni/servizi), ma in quest'ultimo caso esclusivamente sotto forma di rateizzazione del pagamento del prezzo pattuito per la transazione.

Come è noto, in Italia, negli anni più recenti, si è osservata una forte crescita dei volumi trattati come forme di credito al consumo, cui ha corrisposto anche una crescita del numero degli operatori ed un'evoluzione dei rispettivi profili.

I dati di mercato più aggiornati ci confermano che è cresciuta l'affermazione di soggetti specializzati, tipicamente società finanziarie sorte sull'onda della forte crescita della domanda e dell'altrettanto elevata appetibilità del settore.

Le società specialistiche detengono una quota preponderante del business (in termini di volumi), rispetto alle banche cosìddette generaliste.

Nel credito al consumo rientrano varie forme di finanziamento. Tali strumenti sono: la vendita a rate, il prestito personale, il prestito con cessione di un quinto dello stipendio, il credito rotativo e le carte di credito.

Come è noto, nella gamma di prodotti di finanziamento disponibili per la clientela vi sono altre tipologie di credito che, tuttavia, non rientrano nel credito al consumo (ad esempio: i mutui e i contratti di leasing).

I consumatori possono scegliere, dunque, diverse forme.

La vendita a rate

Tramite il credito rateale, il cliente ottiene il finanziamento di un importo determinato e definiscono fin dalla stipula del contratto in quante rate rimborsarlo.

Se il tasso d'interesse pattuito è fisso, anche l'onerosità della singola rata è fissata ex ante e non modificabile; nel caso di tasso d'interesse variabile (vedi più avanti), l'importo delle rate è modificabile, in base all'andamento dei tassi, rimanendo fissato nel numero.

E' questa, probabilmente, la forma di finanziamento più longeva e quindi più nota ai consumatori.

La vendita a rate è, pertanto, una forma di finanziamento diretta ai consumatori privati, e ciò distingue il credito rateale dal leasing, che può essere stipulato da professionisti e imprenditori.

Nella vendita a rate si ha un immediato passaggio di proprietà del bene (anche se, è opportuno ricordarlo, tale passaggio resta "condizionato" al regolare pagamento delle rate) dal fornitore del bene (venditore) all'utilizzatore (acquirente e soggetto finanziato).

Il prestito personale

Ne abbiamo già parlato: il prestito personale consiste nell'erogazione, da parte di intermediari finanziari, di finanziamenti non finalizzati, ovvero privi di destinazione specifica.

Ciò significa che il soggetto finanziato può utilizzare la somma ricevuta come meglio crede.

Il cliente si impegna a restituire la somma erogata secondo un piano di ammortamento finanziario, di norma a tasso fisso e rate costanti, a scadenze concordate.

Ogni rata è composta di due parti: la quota capitale, che fa riferimento alla restituzione del capitale finanziato, e la quota interessi (via via decrescente), ovvero quella parte che concerne la corresponsione degli interessi, calcolati sul debito residuo.

Un prestito personale può risultare assistito da garanzie, a tutela del creditore, nel caso in cui il soggetto finanziato risulti insolvente.

Il prestito con cessione di un quinto dello stipendio

Il prestito con cessione di un quinto dello stipendio prevede che i dipendenti possano ottenere dei finanziamenti la cui restituzione avviene mediante una trattenuta mensile diretta sullo stipendio.

Il soggetto finanziatore, di norma, non richiede particolari garanzie né raccoglie informazioni analitiche sulla situazione finanziaria delle persone; in altri termini, in presenza dei requisiti richiesti, il finanziamento viene erogato.

La garanzia più importante, in effetti, è quella della stabilità del posto (e del contratto) di lavoro.

Con riferimento alla modalità di rimborso, il piano di ammortamento prevedere che il dipendente possa destinare fino a 1/5 dello stipendio netto mensile al pagamento della rata. Tale somma verrà quindi direttamente trattenuta nella sua busta paga.

Anche la cessione del quinto è un forma di prestito non finalizzata.

Il contratto di credito al consumo

Prima della stipula

Prima di sottoscrivere un contratto di finanziamento, il consumatore ha il diritto di ricevere dalla banca, dalla finanziaria o dal venditore del bene informazioni chiare e precise sulle condizioni che verranno praticate nelle condizioni di finanziamento che gli vengono proposte.

Le banche e le finanziarie, presso le proprie sedi, devono adeguatamente pubblicizzare i tassi di interesse, i prezzi e le altre condizioni economiche relative ai servizi offerti, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa in termini di trasparenza.

Il consumatore può essere informato delle sopra citate condizioni anche attraverso avvisi sintetici, che devono obbligatoriamente essere affissi all'interno dei locali di banche e società finanziarie, oppure per il tramite di fogli informativi analitici, che devono essere consegnati ai consumatori che ne fanno richiesta.

I documenti pubblicitari relativi ai contratti di credito al consumo ed ai prodotti acquistabili a credito devono sempre indicare chiaramente il tasso annuo effettivo globale (TAEG) ed il relativo periodo di validità.

Il significato di TAN e TAEG

La sigla TAEG sta per tasso annuo effettivo globale ed indica il costo complessivo di un credito/finanziamento erogato da una finanziaria o da un istituto bancario.

Il TAEG permette al consumatore di confrontare in modo omogeneo più offerte di finanziamento (date le caratteristiche dei contratti in termini di importo e durata) e di scegliere quello più conveniente.

Il TAEG, infatti, calcolato applicando ai dati del finanziamento una formula matematica alquanto complessa, è uniforme in tutti gli Stati dell'Unione Europea e consente al consumatore di conoscere preventivamente l'effettiva spese che dovrà sostenere.

Il TAEG deve essere pubblicizzato da ogni operatore bancario o finanziario per ogni genere di operazione di finanziamento.

Nel calcolo del TAEG sono incluse, oltre al rimborso del capitale e a quello degli interessi pattuiti, le seguenti voci:

Dal calcolo del TAEG sono escluse le seguenti voci:

Il fatto di includere altri costi, oltre quelli della restituzione del capitale avuto in prestito e degli interessi veri e propri, nel calcolo del TAEG, comporta che il costo complessivo del finanziamento, anche se si tratta di piccole cifre, può arrivare ad essere di molto superiore al tasso dichiarato dal soggetto finanziatore (cd. Tasso Annuo Nominale, TAN).

Il TAN, infatti, misura il solo costo nominale del capitale preso a prestito, senza tenere conto degli altri costi che il contratto di credito al consumo comporta.

I requisiti del contratto
Il contratto di credito al consumo deve avere obbligatoriamente forma scritta ed essere redatto in due copie, una delle quali deve essere consegnata al consumatore.

Qualora si tratti di un credito finalizzato, il contratto viene redatto in tre copie, delle quali una viene trattenuta dal venditore.

Nel contratto devono essere chiaramente indicati:

  1. il nome della banca o della finanziaria che eroga il prestito ed i dati del beneficiario del credito, che deve essere identificato tramite documento d'identità e codice fiscale, secondo quanto disposto dalla normativa antiriciclaggio in vigore nel nostro Paese (al consumatore, di norma, vengono richiesti anche documenti che attestano il suo reddito);
  2. l'importo e le modalità del finanziamento, unitamente al numero, importo e scadenze delle rate di rimborso;
  3. il TAN ed il TAEG e le eventuali condizioni in base alle quali possono essere modificati;
  4. importo e causale degli oneri esclusi dal calcolo del TAEG o, se non è possibile indicarli con precisione, una loro stima realistica;
  5. eventuali maggiori spese applicabili in caso di ritardato pagamento delle rate;
  6. eventuali garanzie richieste;
  7. eventuali coperture assicurative richieste al consumatore e non comprese nel calcolo del TAEG;
  8. le modalità di recesso.

Se si tratta di credito al consumo per l'acquisto di determinati beni o servizi, devono essere anche indicati:

  1. la descrizione analitica dei beni o servizi per cui è richiesto il finanziamento;
  2. il prezzo di acquisto in contanti, quello stabilito nel contratto e l'ammontare dell'acconto, se previsto;
  3. le condizioni per il trasferimento del diritto di proprietà, nei casi in cui non sia immediato;
  4. le condizioni pattuite.

Clausole invalide e cause di nullità

Il contratto di credito al consumo è nullo quando non è stipulato per iscritto ovvero quando alcune clausole contrattuali sono assenti o nulle, perché in contrasto con la legge vigente in materia.

In questo caso:

  1. si applica un TAEG equivalente al tasso nominale minimo dei BOT annuali o di altri titoli simili emessi nei 12 mesi precedenti la stipula del contratto in oggetto;
  2. il contratto di credito al consumo ha una scadenza a 30 mesi;
  3. il consumatore può scegliere di rimborsare anticipatamente il credito o di risolvere il contratto senza oneri aggiuntivi e penalità.

Il comportamento del consumatore

Dopo aver ottenuto il finanziamento, il consumatore deve rimborsare alla banca o alla finanziaria la somma ottenuta mediante il pagamento delle rate alle scadenze e con le modalità stabilite, come l'addebito sul c/c bancario, l'utilizzo di bollettini postali, etc.

Il consumatore è tenuto a comunicare tempestivamente al finanziatore il cambiamento di alcuni suoi dati personali, quali la residenza o il domicilio, nonché le eventuali difficoltà che gli impediscono di pagare puntualmente anche una sola rata, per agevolare la soluzione dei problemi ed evitare il rischio di contenzioso o l'intervento delle società di recupero crediti.

Il consumatore ha la facoltà di estinguere anticipatamente il prestito, in qualsiasi momento, saldando le rate residue, gli interessi e gli oneri maturati fino al momento dell'estinzione, oltre ad un compenso che deve mantenersi nei limiti previsti dalla legge, ma solamente se previsto nel contratto.

Il consumatore deve ricordare che il contratto di vendita e quello di finanziamento sono due contratti distinti e separati.

Quindi, qualora il bene/servizio per il cui acquisto è stato concesso il finanziamento risulti difettoso e qualora lo stesso non venga consegnato/erogato, l'acquirente deve informare repentinamente la banca o la finanziaria, ma senza sospendere mai il pagamento delle rate.

Anche nel caso in cui il consumatore, sottoscrivendo un contratto d'acquisto fuori dai locali commerciali (cioè in casa propria, per telefono, per strada, per televisione, etc.) richiedendo contestualmente un finanziamento per pagare il bene o il servizio, abbia un ripensamento o instauri una controversia con il venditore, ha l'obbligo di informare il finanziatore del problema insorto senza mai interrompere il pagamento dei rimborsi.

In caso contrario, infatti, diventerebbe inadempiente nei confronti del creditore.

Altre informazioni utili
Molte volte capita che il consumatore, invece di un vero e proprio contratto, compili in realtà solamente un modulo simile ad una proposta di contratto, ossia una proposta unilaterale che diventa efficace solamente con dell'espressa accettazione del finanziatore o a seguito del versamento dell'importo stabilito.

La scadenza delle singole rate è indicata nel contratto di credito ed il finanziatore non invia ulteriori avvisi al consumatore, che deve ricordarsi di pagare puntualmente le rate.

Infatti, qualora vi sia un ritardo nel rimborso, gli interessi dovuti vengono maggiorati ed il consumatore rischia d

Che cos'è un prestito personale

Cominciamo con una tipologia di contratto di prestito, ovvero quello personale: il prestito personale rientra nella categoria dei prestiti non finalizzati, cioè non collegati o vincolati all'acquisto di uno specifico bene o servizio, e prevede come corrispettivo l'applicazione, durante il periodo di rimborso, di interessi fissi o variabili e dei costi/oneri indicati nel TAEG.

Con il prestito personale, il debitore ottiene un finanziamento, erogato da una banca o da un istituto finanziario specializzato, che si impegna a restituire, in maniera rateizzata, entro un periodo predeterminato.

È buona regola valutare con estrema attenzione il nuovo "debito", nell'ambito del proprio budget familiare di spesa e del proprio reddito mensile, valutando sia il costo complessivo del prestito che la rata mensile da sostenere: la rata si sommerà infatti ad altri impegni di pagamento mensili quali affitto, bollette, rate di altri prestiti.

Ogni istituto finanziario adotta criteri specifici per la valutazione di una richiesta di prestito personale nell'ambito di alcune direttive generali e norme disposte dalla Banca d'Italia. Normalmente può essere richiesto da chiunque abbia un'età compresa tra 18 e 70 anni (anche se sul limite massimo possono esserci eccezioni valutabili in fase di istruttoria) ed è concesso a chi possiede una "capacità di rimborso" che tenga conto di tutti gli impegni di pagamento mensili (affitto, bollette, rate di altri prestiti).Tale "capacità di rimborso" deve essere dimostrabile attraverso l'esibizione della busta paga in caso di lavoratore dipendente, della dichiarazione dei redditi in caso di lavoratore autonomo e del cedolino della pensione per i pensionati.

Nel caso in cui non si abbia la possibilità di dimostrare la propria "capacità di rimborso" attraverso l'esibizione della busta paga o la dichiarazione dei redditi, può essere richiesta la garanzia personale di un terzo che si impegni a pagare in caso di inadempimento da parte del richiedente. Naturalmente questi dovrà presentare analoga documentazione a sostegno della propria "capacità di rimborso".

In quali casi il prestito personale viene rifiutato?

L'erogazione di un prestito personale viene rifiutata quando la documentazione evidenzi una "capacità di rimborso" del soggetto richiedente non sufficiente. Il prestito viene rifiutato qualora il richiedente abbia in essere altri contratti di finanziamento che, in aggiunta al prestito richiesto, impegnerebbero oltre un terzo del reddito.

Tale limite è posto per evitare situazioni di sovra-indebitamento. Sarebbe irresponsabile da parte della banca mettere il richiedente nella condizione di effettuare una scelta per lui insostenibile.

Può essere anche rifiutata qualora il richiedente abbia subito nel passato protesti e/o risultino evidenze di mancati pagamenti relativi a prestiti precedentemente ottenuti (segnalazione negativa da parte di banche dati sui rischi di credito).

Per valutare la reale "capacità di rimborso" del richiedente gli enti erogatori possono consultare alcune banche dati private oppure la Centrale Rischi della Banca d'Italia. Secondo la normativa vigente, prima che un soggetto richiedente venga iscritto in una di queste banche dati deve esserne informato e deve aver concesso per iscritto alla banca o all'istituto finanziario la propria autorizzazione (normalmente l'autorizzazione alla interrogazione delle banche dati viene inserita nel contratto e pertanto accordata dal richiedente con la sottoscrizione dello stesso).

Nel caso in cui il prestito non venga concesso, l'ente che lo ha negato deve informare il soggetto riguardo la motivazione, con particolare riferimento alle informazioni negative reperite in una banca dati.

Cosa fare prima di richiedere un finanziamento di prestito personale?

Prima di sottoscrivere una richiesta di prestito personale è bene valutare diverse offerte e scegliere oculatamente quella più conveniente in base alle proprie esigenze. L'attuale normativa in tema di credito al consumo e trasparenza bancaria prevede l'obbligo per la banca o l'istituto finanziario di fornire una serie di informazioni in grado di mettere l'interessato nella condizione di poter operare una scelta consapevole e conveniente.

Nella fase di negoziazione del prestito - ossia prima che venga sottoscritta la richiesta - la banca o l'ente finanziario hanno l'obbligo di consegnare le "Informazioni europee di base sul credito al consumo". Tale documento contiene informazioni chiare e complete delle condizioni applicate in quel momento, personalizzate con i dati del richiedente e utili a valutare la convenienza del prestito. Ricordarsi quindi sempre di pretendere che tali informazioni vengano fornite, così come previsto dalla legge.

Cosa deve contenere un contratto di prestito personale?

Il contratto di prestito personale deve essere stipulato in forma scritta e contenere una serie di informazioni obbligatorie, tra le quali:

  1. l’indicazione esatta della somma e delle modalità con cui verrà erogata;
  2. il tasso di interesse praticato;
  3. l’indicazione specifica del TAEG;
  4. le eventuali modalità di variazione del costo del contratto (costi e commissioni);
  5. tutti i costi che dovranno essere sostenuti (spese di istruttoria e oneri accessori quali spese di invio rendiconto periodico, eventuali spese di assicurazione e costi relativi al ritardo nei pagamenti);
  6. l’ammontare delle rate e la loro scadenza;
  7. l’indicazione delle eventuali garanzie ed assicurazioni richieste.

La banca o l'ente finanziario, successivamente alla stipula, possono modificare le condizioni stabilite nel contratto, ad esclusione del tasso di interesse solo nel caso in cui questa possibilità sia stata prevista nel contratto, con espressa sottoscrizione da parte del cliente della relativa clausola e qualora ricorra un giustificato motivo. Prima di sottoscrivere il contratto è quindi buona regola verificarne attentamente il contenuto, con particolare riferimento al TAEG.

Prestito personale - Cosa è il TAEG?

Il TAEG - Tasso Annuo Effettivo Globale - costituisce il costo effettivo del prestito che il cliente dovrà corrispondere all'erogatore espresso in termini percentuali. È l'indicatore di costo che comprende interessi, costi ed oneri accessori.

Questo indicatore di tasso è il più importante perché permette di confrontare le offerte di finanziamento a parità di importo e durata, quindi, nell'effettuare la scelta del prestito personale, si consiglia di non lasciarsi influenzare dalla convenienza di altri indicatori parziali come ad esempio il TAN - Tasso Annuo Nominale - che esprime il tasso di interesse applicato ma non comprende le altre spese.

Cosa accade in caso di mancato pagamento di una o più rate del prestito personale?

In caso di ritardato o mancato pagamento di una o più rate vi sono conseguenze importanti: gli interessi dovuti vengono aumentati con l'applicazione di una mora (interesse ulteriore) e l'intestatario del prestito viene segnalato agli enti di tutela del credito (centrali rischi, banche dati), che condividono l'informazione con l'intero sistema bancario e finanziario. Questa segnalazione, che compromette la reputazione creditizia del Cliente, viene preventivamente comunicata dall'ente finanziatore.

Se si prevedono difficoltà nel rispettare i termini previsti (anche per una sola rata) è molto utile prendere subito contatto con la banca/intermediario per trovare soluzioni alternative (le banche hanno ideato modalità di restituzione rateale capaci di assecondare le esigenze di molti clienti, come la possibilità di saltare una rata, variare l'importo della stessa, allungare o accorciare il piano di rientro a seconda dell'operazione).

È, inoltre, importante segnalare tempestivamente all'ente finanziatore ogni cambio di residenza, in modo che le comunicazioni inviate da quest'ultimo pervengano puntualmente.

Si può recedere dal contratto di prestito personale?

Sì. Il diritto di recesso è la facoltà di"ripensamento" concessa al consumatore di interrompere il contratto di finanziamento senza il consenso della banca o dell'intermediario finanziario erogante. È senza costi e senza obbligo di fornire spiegazioni. Entro 14 giorni a partire dalla conclusione del contratto, il consumatore che intende recedere deve inviare all'ente erogante una comunicazione seguendo le modalità indicate nel contratto.

Se il contratto ha avuto esecuzione, anche in parte, entro 30 gg il cliente che recede dal contratto deve rimborsare: capitale, interessi maturati e costi sostenuti dalla banca come imposta di bollo e/o imposta sostitutiva.È possibile l’estinzione anticipata di un prestito personale?

La normativa stabilisce che è sempre possibile estinguere il prestito anticipatamente rispetto al termine concordato, sia parzialmente che totalmente. Il cliente che sceglie di esercitare questa opzione deve rimborsare alla banca/intermediario il capitale residuo ancora dovuto, gli interessi maturati al momento dell'estinzione ed ogni altra somma di cui la banca fosse in credito.

Per esercitare il diritto di estinzione è prevista per Legge una penale di indennizzo a carico del cliente. A partire dal 1° giugno 2011 tale penale ammonta all'1% dell'importo rimborsato in anticipo, se la vita residua del contratto è superiore a un anno, allo 0,5% se la vita residua del contratto è pari o inferiore a un anno. In ogni caso, l'indennizzo non può superare l'importo degli interessi che il consumatore avrebbe pagato per la vita residua del contratto. Non è dovuta nessuna penale se l'importo rimborsato anticipatamente corrisponde all'intero debito residuo ed è pari o inferiore a € 10.000.

Esistono forme di tutela a copertura di eventi non prevedibili (ad esempio la perdita del reddito)?

Sì. La forma più comune è la stipula di polizze assicurative "credit protection insurance" che tutelano il richiedente e la sua famiglia a fronte di molteplici eventi che possono determinare situazioni finanziarie negative e prevede tutele specifiche nei casi di: morte, invalidità totale permanente, inabilità temporanea totale, ricovero ospedaliero, malattia grave e perdita d'impiego.

È importante controllare che, nel caso di adesione alla polizza assicurativa, il relativo costo sia inserito nel TAEG.

Che cos'è un prestito delega

Il contratto di prestito, detto prestito delega è un finanziamento a tasso fisso, le rate mensili sono prelevate dal datore di lavoro sulla busta paga e versate alla società finanziaria fino all'estinzione del debito.

L’importo richiesto può essere utilizzato per qualsiasi finalità (ristrutturazione, acquisto auto, consolidamento debiti, spese per cerimonie, salute, viaggi, ecc…).

Di seguito gli elementi essenziali che servono per stipulare un prestito delega:

Analizziamoli, ora, uno per uno.

L'importo richiesto, chiaramente, è la somma che il dipendente chiede in prestito ad una società Finanziaria o a una Banca.

Il capitale lordo mutuato, invece, è l’importo lordo da restituire che si ottiene sommando il capitale richiesto più gli interessi, i costi relativi alle assicurazioni rischio vita e rischio impiego, le spese accessorie, marche da bollo, notifiche e i costi di intermediazione. Si consente al cliente di ammortizzare i costi del finanziamento per tutta la dilazione del prestito.

L’importo delle rate non può superare il 40% dello stipendio netto. Sono le quote mensili in cui si divide il rimborso del finanziamento la cui durata varia da 24 a 120 mesi, rimangono fisse per tutta la dilazione nonostante le variazioni dello stipendio mensile.

Proseguendo il piano di ammortamento e l’estinzione graduale del prestito delega entro un periodo prestabilito, con la riduzione del debito residuo cresce la quota capitale e decresce la quota interessi.

E’ un documento allegato al contratto, riporta il debito residuo del finanziamento alla scadenza di ciascuna rata.

Veniamo ora agli indici di costo del prestito.

I costi che compongono l’ammontare del finanziamento sono espressi da tre indici:

Il prestito con delega è garantito dal TFR, il dipendente ha la facoltà di richiedere un anticipo sulla liquidazione accantonata, presso il datore di lavoro o su un fondo pensionistico, solo per la parte che eccede il vincolo.

La destinazione del TFR si può variare anche durante il corso del prestito.

La legge, inoltre, prevede che il Prestito con Delega sia garantito da due polizze assicurative: rischio credito e rischio Vita. Il costo del premio dell'assicurazione è incluso nella rata del finanziamento.

Nel caso dell'assicurazione rischio credito per la perdita volontaria d'impiego, ad esempio, la Società d’assicurazioni interviene estinguendo il prestito alla società Finanziaria creditrice nel caso in cui il dipendente perda il posto durante l’ammortamento del prestito e se il TFR accantonato fino a quel momento non è sufficiente a coprirne l’ammontare. Il cliente non è liberato dall'obbligo di restituire interamente il debito alla compagnia assicurativa.

C'è poi l'assicurazione per il rischio vita. Qui, la compagnia assicurativa rimborsa totalmente il debito residuo del prestito garantendo gli eredi.

Concludendo, vi sono le spese di istruttoria e apertura pratica.Sono le spese necessarie a valutare, avviare e gestire la pratica, sono incluse nei costi del prestito.

Il contratto di prestito delega è formato da 4 copie una per il cliente, una per la società finanziaria, una per il datore di lavoro e una per la società di assicurazione. Deve essere compilato in tutte le sue parti e firmato, sia dal richiedente che dalla Società finanziaria.

Il contratto deve contenere:

Si considera nullo il contratto se la compilazione non è completa o in assenza della firma di una delle parti (contraente e istituto di credito).

Il cliente ha 15 giorni per esercitare il diritto di recesso, per mezzo di una lettera raccomandata R.R da inviare all'istituto di credito o finanziaria che ha concesso il prestito.

Si dovranno restituire tutti gli importi eventualmente già ricevuti con l’aggiunta dei costi sostenuti dalla Banca altrimenti il contratto non potrà considerarsi risolto.

Nel caso in cui non si effettui il saldo di una o più rate si è immediatamente inadempienti nei confronti della società finanziaria.

Il cliente non viene segnalato come cattivo pagatore nelle banche dati in quanto è il datore di lavoro a dover effettuare il pagamento.

Consigliamo di controllare che le rate siano versate regolarmente perché rimane al dipendente la responsabilità di garantire la correttezza dei pagamenti.

Il prestito delega per legge può essere estinto anche anticipatamente, la somma da restituire sarà l’importo ottenuto sottraendo dallìammontare del residuo debito il Tasso Annuo Nominale non maturato, più un’eventuale penale che non può superare l’1% (uno per cento) dell'importo finanziato.

Se si ha bisogno di ulteriori somme di denaro il prestito delega si può rinnovare, i parametri per calcolare il rinnovo sono l’anzianità lavorativa, Il TFR e il debito residuo del prestito in essere.

Il calcolo si effettua moltiplicando il valore della rata per il numero di rate residue, ottenendo così il residuo debito lordo, il residuo debito netto da rimborsare si ottiene scorporando gli interessi non maturati.

Il totale da finanziarie con il nuovo prestito con delega sarà la cifra che si desidera realizzare più il debito da rimborsare.

A seconda degli importi, dei parametri di calcolo e delle esigenze del cliente si valuterà se aumentare l’importo delle rate o la dilazione.

Per completare la pratica di prestito con delega la società finanziaria richiede la compilazione di 2 documenti all'amministrazione di appartenenza del dipendente: Il certificato di stipendio contiene le informazioni inerenti alla retribuzione del richiedente, gli importi percepiti al lordo e al netto delle imposte, numero delle mensilità, mansione svolta, data di assunzione, TFR accantonato e, se presenti, le trattenute volontarie (prestiti, assicurazioni o pignoramenti) più l’indicazione di tutti i dati societari.

L’ Atto di Delega è il documento con cui si notifica all'azienda la volontà del dipendente di delegare il datore di lavoro al rimborso del prestito tramite una trattenuta sul proprio stipendio e di vincolare il TFR a garanzia dell'importo ricevuto.

E’ facoltà del datore di lavoro accogliere o rifiutare la richiesta e se procedere con i versamenti mensili.

Il dipendente che richiede un prestito con delega deve ricevere obbligatoriamente dalla Finanziaria:

Dopo L’erogazione del finanziamento l’istituto di credito invia al domicilio del cliente una lettera a conferma delle condizioni economiche stabilite dal contratto.



Il contratto di prestito con cessione del quinto dello stipendio o della pensione

Che cos'è il contratto di prestito con la cessione del quinto dello stipendio o della pensione: scopriamolo nel prosieguo del paragrafo.

La cessione del quinto dello stipendio è lo strumento, riservato agli operatori finanziari (es.: banca), per effettuare prestiti ai dipendenti e ai pensionati. Tale strumento nasce come forma di accesso al credito riservata ai dipendenti statali e pubblici ed estesa con la Legge 80/2005 ai pensionati e ai dipendenti privati.

La cessione del quinto dello stipendio/pensione è una particolare forma di prestito personale a tasso fisso il cui rimborso avviene attraverso l’addebito mensile della rata dalla busta paga o dalla pensione.

L’obbligo di trattenere le rate è in capo al datore di lavoro o all'ente di previdenza che si assume la responsabilità di versarle mensilmente all'ente erogatore, fino all'esaurimento del debito.

La rata è quantificata fino al limite di un quinto rispetto allo stipendio netto percepito.

La disciplina della cessione del quinto è regolata dalla legge del 1950 n. 180, di approvazione del Testo Unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti dalle pubbliche amministrazioni (modificato ed integrato dalla legge 311/2005 e dalla legge 80/2005).

Questa è la normativa di riferimento a seguito della legge finanziaria del 30 dicembre 2004 n. 311 che ha esteso ai dipendenti dei datori di lavoro privati le disposizioni relative alla cessione del quinto dello stipendio.

Le modifiche introdotte sono volte ad allargare i soggetti (lavoratori a termine, parasubordinati, pensionati) che possono fare ricorso all'istituto della cessione del quinto dello stipendio (o della pensione) per ottenere finanziamenti da intermediari abilitati.

Sono state previste anche delle variazioni alla disciplina originaria che consistono nella possibilità di ottenere con maggiore facilità un prestito tramite cessione del quinto ed estenderlo a tutte le categorie di lavoratori compresi i dipendenti di aziende private.

Per tale tipologia di prestito e per le modalità con le quali viene effettuata si applica la disciplina sul credito ai consumatori che regolamenta l’attività di concessione di un credito, sotto forma di dilazione di pagamento, finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria, a favore di una persona fisica (il consumatore) che agisce per scopi estranei all'attività professionale o imprenditoriale eventualmente svolta.

La legge n. 80/2005 ha previsto la facoltà di contrarre prestiti a fronte della cessione del quinto del compenso che abbia carattere certo e continuativo per:

  1. tutti i lavoratori dipendenti statali:
    • assunti con contratto a tempo indeterminato;
    • residenti in Italia con età tra i 18 e i 63 anni;
  2. tutti i lavoratori dipendenti di aziende private assunti con contratto a tempo indeterminato;
    • i lavoratori a progetto, collaboratori coordinati e continuativi ecc.;
    • i quadri e i dirigenti;
    • tutti i titolari di una pensione.

Il prestito può essere richiesto anche da chi è stato soggetto a pignoramenti ed iscritto nel registro come cattivo pagatore. In quest’ultimo caso il finanziamento potrà essere utilizzato o come liquidità aggiuntiva o per consolidare i debiti pregressi.

Come ogni prestito può, inoltre, essere estinto anticipatamente e totalmente. In caso di estinzione anticipata il soggetto dovrà versare all'istituto di credito il capitale residuo nonché gli interessi maturati fino a quel momento.

Il legislatore ha indicato i requisiti che devono avere i lavoratori per l’esercizio della cessione.

In particolare si richiede che il dipendente sia in servizio, abbia stabilità nel rapporto di impiego, percepisca uno stipendio fisso o continuativo, abbia diritto a percepire la pensione o qualsiasi trattamento di fine rapporto ed il prestito abbia durata di cinque o dieci anni.

Per i lavoratori subordinati assunti a tempo indeterminato si richiede che:

Da sottolineare che il trattamento di fine rapporto (TFR)è cedibile per intero.

Per i lavoratori a tempo determinato si richiede che:

La legge ha esteso anche ai pensionati la possibilità di contrarre prestiti personali estinguibili con una trattenuta diretta sulla rata della pensione: per offrire la massima tutela ai pensionati, l’Inps ha definito tutte le modalità e le condizioni necessarie per concedere tali prestiti.

L’addebito sulla pensione non può superare un quinto mensile della stessa.

La rata dipende dall'importo della pensione stessa ed è calcolata al netto delle trattenute fiscali e previdenziali e in modo da non intaccare l'importo della pensione minima.
Il pensionato deve:

9 marzo 2015 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su una guida per comprendere meglio il mondo dei contratto di prestito. Clicca qui.

Stai leggendo Una guida per comprendere meglio il mondo dei contratto di prestito Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 9 marzo 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria carte di credito di debito (bancomat) e carte revolving Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca