Usura bancaria sui mutui » Le banche hanno applicato condizioni contrattuali capestro

Usura bancaria nei mutui, una nuova sentenza dimostra che a volte, le banche, hanno applicato condizioni contrattuali capestro nei confronti dei clienti, traendo ingiusti vantaggi.

Il Tribunale di Rovereto, con provvedimento del 30 dicembre 2013, ha accertato la natura usuraria dei contratti di mutuo sottoscritti dal cliente con la Cassa Rurale di Brentonico, riconoscendo la violazione della legge sull'usura.

Nella fattispecie, un cliente della banca non era riuscito a versare tutte le rate del mutuo, tant'è che l'istituto di credito aveva deciso di applicare il tasso di mora, intimando il mutuatario a versare gli importi delle rate rimaste insolute.

In seguito, Cassa Rurale aveva convenuto in giudizio il mutuatario al fine di chiedere il pagamento del capitale dato a prestito, maggiorato degli interessi convenzionali e quelli di mora, maturati in seguito al ritardo nel versamento delle varie rate.

Il cliente si era opposto alla richiesta giudiziale avanzata dalla banca, eccependo la nullità della clausola contrattuale inerente gli interessi convenzionali e di mora, in quanto contraria al limite usura stabilito con la legge numero 108/1996.

Il cliente aveva evidenziato, in particolare, che da un controllo dei contratti di mutuo risultava che il tasso di interesse convenzionale applicato dalla banca nei contratti di mutuo, maggiorato con quello di mora, aveva superato il limite usura stabilito periodicamente dal Ministero dell'Economia e dalla Banca d'Italia.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su usura bancaria sui mutui » le banche hanno applicato condizioni contrattuali capestro.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.