La portabilità del mutuo in base alla legge Bersani e la rinegoziazione del mutuo come prevista dal decreto Tremonti

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Ancora i mutui al centro delle cronache: questa volta niente colpi di scena, ma piuttosto la conferma di un trend: in aprile per le famiglie italiane -3,5 miliardi di euro di debiti immobiliari rispetto al mese precedente; lo stock totale di mutui si attesta così a 256 miliardi di euro. Ma a fronte di cifre che sembrano dipingere uno scenario in crisi, la realtà è che il panorama del credito immobiliare in Italia è in forte evoluzione da molti mesi.

Legge Bersani sulla portabilità e accordo tra Abi e Governo per porre un freno al caro rate

La portabilità del mutuo

La portabilità consiste nella stipula di un nuovo mutuo di importo pari a quello del debito residuo in essere, alle condizioni concordate tra il cliente e la nuova banca, ma consentendo alla nuova banca di subentrare nella garanzia ipotecaria rilasciata per il mutuo stipulato con la banca precedente.

Questo avviene senza la richiesta di consenso della banca di provenienza e con il mantenimento dell'ipoteca iscritta a garanzia del mutuo originario.

La portabilità non comporta il venir meno dei benefici fiscali acquisiti in precedenza: ad esempio quelli relativi all'acquisto, costruzione, ristrutturazione della abitazione principale.

Per la portabilità è necessaria l'annotazione della surroga (ossia l'annotazione della sostituzione) del nuovo creditore al precedente a margine dell'ipoteca iscritta a suo tempo (Per l'annotazione della surroga sono infatti previsti, quali requisiti minimi di forma dell'atto, la scrittura privata autenticata da un notaio - (o da altro pubblico ufficiale abilitato - o accertata giudizialmente, oppure l'atto pubblico. La clientela non sostiene costi notarili ove esistenti).

Per favorire al massimo la portabilità il relativo processo è totalmente gratuito. Sono quindi gratuiti:

- la chiusura del vecchio contratto di mutuo, comprese le penali di estinzione anticipata;
- l'annotazione della surroga e la concessione del nuovo mutuo, inclusi l'istruttoria, gli accertamenti catastali e gli eventuali costi notarili.

L'operazione è finalizzata ad offrire alla clientela servizi più economici ed efficienti, nell'ottica di favorire sempre più la concorrenza nel mercato dei mutui.

La rinegoziazione Tremonti del mutuo

La rinegoziazione, ovvero la modifica dei termini del contratto di mutuo (durata, tasso di interesse, etc.) è un'ulteriore opportunità offerta al cliente che ha stipulato un mutuo e desidera rivedere i termini del proprio contratto per ricondurre il rimborso del prestito a condizioni più in linea con la sua pianificazione finanziaria, ad esempio riducendo l'impatto delle rate.

Si tratta dunque di un'operazione che garantisce al cliente di poter trovare soluzioni più soddisfacenti alla propria condizione economico-finanziaria.

Per realizzare la rinegoziazione è opportuno rivolgersi alla propria banca per spiegare con precisione le proprie necessità e ricercare insieme una soluzione condivisa.

Questa soluzione si basa infatti sull'accordo di entrambe le parti: né la banca, né il cliente possono esigere una modifica unilaterale delle condizioni, a meno che questo non sia espressamente previsto dal contratto (ad esempio, nel caso dei cosiddetti mutui con opzione di scelta della tipologia di tasso da applicare al mutuo).

Per porre una domanda sulla portabilità del mutuo in base alla legge Bersani e sulla rinegoziazione del mutuo come prevista dal decreto Tremonti, sul contratto di mutuo in generale, sulle tipologie di mutuo, sulle normative vigenti in tema di mutuo ipotecario, clicca qui.

8 luglio 2008 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • karalis 7 ottobre 2008 at 16:49

    Prima che ricevessi la lettera della mia banca con la proposta Min. Tremonti, avevo inviato la richiesta di rinegoziazione in riferimento alla legge Bersani Bis . Quest ultima è stata accolta, ma sono davanti a un bivio :

    Se accetto la diminuzione dello Spread della mia banca (legge bersani II ) , non posso attuare la proposta ( sempre della banca ) di Tremonti con una Rata calcolata al 2006, ma bensì la rata sarebbe sempre Fissa , ma con l'importo attuale di ottobre 2008 meno lo 0,40 di spread .

    E' cosi? e perche? Spero di essere stato chiaro ;)
    Grazie

    Commento di Fiorenzo | Martedì, 7 Ottobre 2008

    Sei stato chiaro, ma per ottenere una risposta è necessario proporre il quesito al consulente mutui nell'area dedicata.

    Questo spazio è, generalmente, dedicato ai commenti. Dubito che il consulente mutui possa leggere le tue domande in tempo utile per le tue future decisioni in merito.

1 9 10 11