Le problematiche che scaturiscono dal cambio cognome e la modifica del codice fiscale

Vediamo, dunque, quali sono le problematiche che scaturiscono dal cambio cognome e la modifica del codice fiscale per le coppie che si sposano tramite unioni civili.

Se la moglie aggiunge al proprio cognome quello del marito, per lo Stato non c'è problema.

Il nuovo "nome di famiglia" può essere affiancato a quello da nubile sulla carta di identità, tutto qui.

Se un omosessuale fa lo stesso in sede di unione civile, il cognome del compagno (o della compagna) viene invece automaticamente inserito nel suo codice fiscale.

In pratica cambia identità, con una serie di conseguenze non indifferenti.

La posizione Inps dovrà essere rivista, come i contratti a lui intestati, compreso il mutuo con la banca. Dovrà rifare passaporto e carta d'identità.

E dovrà dimostrare di essere proprietario della propria casa. L'azienda per cui lavora potrebbe avere difficoltà a inviargli lo stipendio e i creditori potrebbero non sapere dove cercarlo.

Il pasticcio nasce dal decreto ponte firmato lo scorso 23 luglio dal governo, che contiene le disposizioni transitorie che applicano la legge 76/2016 sulla regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso.

In attesa dei decreti definitivi, i Comuni si sono dovuti adeguare.

Così nei moduli predisposti dall'anagrafe di Milano, ad esempio, si chiede ai due omosessuali se "intendono volere assumere il cognome comune.

E si chiede loro di dichiararsi consapevoli che il cambiamento del cognome comporta il cambiamento del codice fiscale.

Una postilla apparentemente neutra, che lascia presagire al massimo una seccatura burocratica. Ma che nei fatti è il primo passo verso un totale cambio di identità.

Chi ha un figlio, peraltro, si troverà a essere genitore di una persona che ha un cognome diverso dal proprio.

L'aggiunta del cognome del marito a quello della moglie nel matrimonio sancisce l'esistenza del nucleo familiare, e non comporta conseguenze ulteriori per gli uniti civili non è così, evidentemente il legislatore continua a non volerli considerare una famiglia.

Paradossalmente, il decreto ponte che applica la legge Cirinnà rende automatico un meccanismo che altrimenti sarebbe molto difficile mettere in moto.

Le conseguenze del cambio di nome sono tali, da un punto di vista giuridico, che il legislatore ha infatti posto forti paletti a chi decide volontariamente di farne richiesta.

Il procedimento del cambio di identità, di cui è titolare la prefettura, è disciplinato dalla legge 396 del 3 novembre 2000, che regola "il cambiamento del cognome perché ridicolo o vergognoso" e "l'esigenza di cambiamento del cognome".

Viene applicato, ad esempio, ai collaboratori di giustizia.

Per le coppie gay che decidono di unirsi civilmente, invece, per cambiare cognome basta una crocetta tracciata distrattamente sul modulo dell'anagrafe.

Il nome è il segno che identifica ogni persona e in quanto tale costituisce parte essenziale e irrinunciabile della personalità, quale primo e più immediato elemento dell'identità personale.

La pretesa dello Stato di modificare un nome già attribuito a un individuo è un'ingerenza nella vita privata e familiare.

L'auspicio è che i decreti attuativi della legge Cirinnà pongano fine a questa discriminazione.

21 dicembre 2016 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le problematiche che scaturiscono dal cambio cognome e la modifica del codice fiscale. Clicca qui.

Stai leggendo Le problematiche che scaturiscono dal cambio cognome e la modifica del codice fiscale Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 21 dicembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria rintraccio del debitore nel recupero crediti Inserito nella sezione recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca