Un uomo non è i soldi che ha

Abbiamo creato una società dove l'uomo è considerato per quello che ha, e non per quello che è. Abbiamo inventato anche gli "status symbol", a certificare la conformità a questi effimeri standard. Le conseguenze di questo gioco scellerato, sono sotto gli occhi di tutti. La risposta a tutto questo deve essere la consapevolezza che un uomo non è i soldi che ha. La reazione ad ogni problema di debiti deve partire, prima di tutto, dalla ricerca di quei valori fondamentali che abbiamo abbandonato sotto montagne di opulenza, ma sono ancora lì ad attenderci.

Riguardo alle bellissime parole di Andrea80 dissento solo su una cosa: l'ignoranza non è sempre una colpa. Esistono difatti tre specie di ignoranti: chi non sa, chi non vuol sapere, e chi pensa di sapere. Una delle tre categorie si può salvare...

Per fare una domanda agli esperti vai alforum

Per approfondimenti, accedi allesezioni tematiche del blog

28 novembre 2010 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su un uomo non è i soldi che ha. Clicca qui.

Stai leggendo Un uomo non è i soldi che ha Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 28 novembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità e riflessioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca