Un figlio "disperato"

Salve a tutti, sono un ragazzo di 22 anni e vivo con i miei genitori. Sono studente universitario e non lavoro. Vi scrivo per esporvi i problemi della mia famiglia e chiedere un consiglio.

Mio padre è barbiere mia madre ufficialmente disoccupata, ma facendo attività di volontariato riesce a ottenere mensilmente rimborsi spese per 200/300 euro. Non per fare una critica ai miei genitori, ma sono persone molto "distaccate" dalla realtà ... è come se vivessero in un mondo tutto loro e spesso non si rendono realmente conto delle conseguenze alle quali possono portare determinate azioni.

Ora saltando questa breve premessa arrivo ai veri problemi. I miei hanno accumulato debiti per un ammontare complessivo di 15/20 mila euro (tra finanziarie, equitalia, ecc). O almeno questi sono quelli che io conosco. Stanno molto attenti a nascondere la realtà, forse per proteggerci, ma gli effetti comunque si risentono.

Viviamo in un alloggio assegnato dal comune (con il quale abbiamo un debito di circa 2000 euro per canoni di affitto arretrati). Abbiamo una macchina intestata a mio padre. Grazie al risarcimento di un assicurazione sono riusciti qualche mese fa a risanare qualche debito, ma la situazione resta comunque disperata.

Io sono stato costretto (diciamo per un moto spontaneo di responsabilità, senza nessuna imposizione) a rientrare nella città dove vivo dall'università e questo, unito al clima familiare, non mi rende molto facile lo studio (tra l'altro studio ingegneria, un corso di laurea diciamo non tra i più facili).

Ultimo aggiornamento: il proprietario del locale dove mio padre lavora non ha più intenzione di rinnovargli il contratto di affitto in seguito ai continui ritardi di pagamento. Questo è indicativo di come l'indebitamento sia serio.

Sto pensando di lasciare l'università e trasferirmi in un altra città per lavorare, nonostante i miei tengano molto al fatto che io mi laurei. Ma così onestamente non riesco ad andare avanti...quello che vi chiedo...c'è un modo per risollevare la situazione di questa famiglia allo "sfascio" ?? vi ringrazio anticipatamente per l'aiuto...non so davvero a chi rivolgermi..

12 febbraio 2011 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su un figlio "disperato". Clicca qui.

Stai leggendo Un figlio "disperato" Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 12 febbraio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità e riflessioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca