I tutor autostradali sicve sono veramente a norma di legge?

Tutor autostradali Sicve » Sono davvero degli strumenti di rilevazione costituzionalmente illegittimi?

Negli ultimi giorni, un'interessante sentenza di un Giudice di Pace di Terni sta facendo discutere sulla questione dei tutor autostradali Sicve: sono davvero costituzionalmente illegittimi? Facciamo luce sulla faccenda.

Siete stati multati dal tutor autostradale?

Potreste non essere obbligati a pagare.

Il giudice di pace di Terni, a febbraio scorso, ha accolto un ricorso ed annullato un verbale di violazione dei limiti di velocità rilevata sull'autostrada A1 tra Magliano Sabina e Orte.

Motivo? Il Sicve (Sistema informativo controllo velocità) ovverosia il Tutor, sarebbe fuorilegge.

Stavolta, però, non è il solito problema di vizi nell'accertamento o nella notificazione. Nel mirino c’è la stessa legittimità del Tutor.

È una sentenza che fa discutere, infatti, perché, semplificando al massimo, il Sicve (Sistema informativo controllo velocità), come si chiama tecnicamente il Tutor, sarebbe fuorilegge.

O meglio, perché il trasferimento dell’omologazione da Autostrade per l’Italia alla controllata Autostrade Tech, avvenuto nel 2010 in seguito a una riorganizzazione societaria, sarebbe illegittimo.

Ma facciamo un passo indietro.

Il Sicve viene approvato il 24 dicembre 2004 con decreto dirigenziale numero 3999 del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti.

La domanda di approvazione era stata presentata un anno prima, il 29 dicembre 2003, da Autostrade per l’Italia, la società che aveva sviluppato il nuovo strumento per la rilevazione (anche) della velocità media.

Ma nel 2010 arriva Autostrade Tech.

Il 26 ottobre 2010, in seguito a una riorganizzazione societaria, Autostrade per l’Italia trasmette al Mit una nota con la quale comunica che Autostrade Tech, nata nel 2009 come spin off tecnologico di Autostrade per l’Italia, è subentrata, a far data dall’1 gennaio 2010, ad Autostrade per l’Italia nelle attività e in tutti i rapporti attivi e passivi relativi alla gestione di zone a traffico limitato e ai sistemi di controllo della velocità (Sicve).

Alla luce di questa comunicazione, il 9 dicembre 2010 il Mit decreta che le omologazioni/approvazioni concesse ad Autostrade per l’Italia sono trasferite a nome della società Autostrade Tech.

Ma è tutto regolare?

A quanto pare non per tutti.

Dubbi e perplessità sulla regolarità dei dispositivi di rilevamento Tutor Sicve

A parere del giudice di merito, il passaggio della gestione dei tutor sicve da Autostrade ad Autostrade tech sarebbe avvenuto violando le normative vigenti.

A parere del giudice di pace di Terni, il cambio di gestione sarebbe avvenuto in violazione dell’articolo 192 del regolamento di esecuzione del Codice della strada, quello che disciplina l’omologazione o l’approvazione di segnali, dispositivi, apparecchiature, mezzi tecnici per l’accertamento e il rilevamento automatico delle violazioni.

Articolo che, al comma 5, stabilisce che l’omologazione o l’approvazione di prototipi è valida solo a nome del richiedente e non è trasmissibile a soggetti diversi.

Insomma, il trasferimento in questione deve ritenersi fuorilegge

E a nulla vale il decreto dirigenziale del 2010, non potendo una norma di rango inferiore intervenire su una di rango superiore, cioè il regolamento di esecuzione del Codice.

Pertanto, il verbale deve essere annullato.

Ma per la Stradale è tutto regolare.

Fonti della Polizia Stradale, minimizzano affermando che non vi è stato alcun trasferimento di omologazione a soggetti diversi, visto che Autostrade Tech è un mero spin off tecnologico di Autostrade per l’Italia, è interamente controllata da quest’ultima e ha sede negli stessi uffici della controllante.

Quindi, al contrario di quanto stabilito dal Giudice di pace di Terni, non vi è alcuna violazione del regolamento di esecuzione del Codice della strada. Insomma, per il Viminale Autostrade Tech è lo stesso soggetto di Autostrade per l’Italia, non un soggetto divers”.

La sentenza, però, al di là della diversa interpretazione del dettato normativo, cioè della parola “soggetto”, mette ancora una volta nel mirino il Tutor e, in teoria, potrebbe mandare in fumo i verbali non ancora notificati e rendere impugnabili tutti quelli notificati ma non ancora pagati.

Che cosa succederà? La parola definitiva la metterà il tribunale, a cui, fanno sapere le stesse fonti del ministero dell’Interno, la Prefettura competente, tramite l’Avvocatura generale dello stato, presenterà appello.

Insomma, la battaglia legale è appena iniziata.

28 aprile 2016 · Gennaro Andele

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i tutor autostradali sicve sono veramente a norma di legge?. Clicca qui.

Stai leggendo I tutor autostradali Sicve sono veramente a norma di legge? Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 28 aprile 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria multe da autovelox t-red tutor photored telelaser scout speed Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca