Piccolo manuale del viaggiatore: prevenzione rischi e consigli

Tutela del viaggiatore » Accortezza e prevenzione da adottare prima di partire

Quando un viaggiatore deve capire, responsabilmente, che deve fare a meno della tanta agognata vacanza? Quando, invece, un turista deve evitare le mille paranoie venutesi a creare e partire tranquillo? Infine, in caso di annullamento del viaggio può sussistere un rimborso, e in che quantità? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo

Al giorno, si sa, se i turisti vogliono viaggiare, devono imparare a convivere con varie eventualità (ad esempio rivoluzioni, guerre, sommosse, conflitti vari) che condizioneranno i viaggiatori anche nella scelta del viaggio da intraprendere.

Difficile prevedere con uno o due mesi di anticipo cosa succederà nelle zone calde del pianeta, soprattutto per i turisti, che al momento di prenotare un viaggio pensano solo a visitare un posto che li attragga particolarmente e che sia magari low cost.

Questa piccola guida, dunque, nasce con lo scopo di informare il consumatore/viaggiatore sui rischi che si corrono quando si intraprende una villeggiatura in posti non troppo sicuri aiutandolo a prevenirsi con dei piccoli, ma sempre utili, consigli.

Il manuale del viaggiatore: ovvero stare sempre sull'attenti senza cadere in paranoia

Le precauzioni da seguire prima di intraprendere un viaggio, senza esagerare: il manuale del viaggiatore attento.

A volte quando si viaggia, si sa, le cose possono andare in maniera imprevisto, soprattutto in alcuni Paesi, dove più o meno improvvisamente scoppiano conflitti violenti che causano morti e feriti.

Gli italiani in partenza per quelle mete turistiche si chiedono se non sia il caso di riprogrammare il proprio viaggio, e in tal caso, se date le circostanze, avranno la possibilità di un rimborso.

Senza cadere in paranoie assurde, quando si viaggia ci sono comunque alcune cose che è bene prendere in considerazione: dopotutto rapimenti, attentati, alluvioni e terremoti sono all’ordine del giorno e alcune precauzioni come informarsi e scegliere con cognizione di causa la propria destinazione, sono d’obbligo.

Specie se si decide di visitare uno di quei famosi luoghi “a rischio sicurezza”.

Se si apprende che in un Paese c’è una guerra in corso o è la stagione dei monsoni, che senso ha rischiare? Alcuni Paesi sono ufficialmente definiti “ad alto rischio” (si veda il sito della Farnesina).

Insomma, se viaggiare ha sempre comportato una certa percentuale di rischio, in alcuni Paesi basta anche uno spostamento azzardato per ritrovarsi ad essere bersagli od ostaggi. In alcuni casi la cosa migliore è cambiare destinazione.

Se invece ci si deve proprio andare, la prima cosa da fare è registrarsi al sito internet dove siamo nel mondo.

Si tratta di un servizio del Ministero degli Affari Esteri che consente agli italiani che si recano temporaneamente all’estero di segnalare, su base volontaria, i dati personali. Lo scopo è permettere all’Unità di crisi di pianificare con maggiore rapidità e precisione interventi di soccorso nel caso si verifichino situazioni di grave emergenza.

In tali circostanze, infatti, è fondamentale essere rintracciati con la massima tempestività e, se necessario, soccorsi. Il viaggio può essere segnalato non prima di 30 giorni dalla data di partenza e tutti i dati vengono automaticamente cancellati due giorni dopo la data di rientro. Sempre in materia di sicurezza, c’è “Viaggiare sicuri”, il servizio del Ministero degli Affari Esteri e dell’ACI, che informa sulle condizioni di viaggio all'estero.

La prevenzione del viaggiatore: cose da non dimenticare prima di partire

Prima di tutto la prevenzione: quando si sta per raggiungere una destinazione su cui si conosce poco, ecco quali sono i consigli da seguire per il viaggiatore.

Quando si sceglie una località come meta è sempre bene documentarsi accuratamente sulla situazione di sicurezza, sanitaria, ecc.

Prima di intraprendere un viaggio è necessario cliccare sul sito del Paese che abbiamo scelto e vedere quali sono le sue condizioni di sicurezza.

Inoltre, come consigliato dall'Unità di Crisi è necessario registrarsi al sito gestito dalla Farnesina.

Molto utile può essere anche informarsi tramite i media e i gruppi di discussione online per confrontarsi con persone che ci sono state di recente.

Quando il paese scelto dal viaggiatore diventa a rischio prima ancora di averlo raggiunto

Come comportarsi quando ormai si è prenotato il viaggio ed il luogo di destinazione diventa improvvisamente a rischio? Scopriamolo.

Se, quando ormai il viaggio è stato prenotato e gli importi per lo stesso saldati, il Paese diviene a rischio, occorre consultare immediatamente l’Unità di Crisi della Farnesina.

Nel caso in cui il Ministero sconsigli i viaggi nel Paese (o comunque nella zona che costituisce la meta del viaggio) è possibile recedere dal contratto di viaggio senza pagare alcuna penale. Il contratto infatti si risolve, venendo meno la finalità turistica che ne costituiva la causa.

Nel caso in cui non si sia comprato un pacchetto, ma solo un volo aereo o un passaggio in traghetto,o si può comunque chiedere il rimborso, perché sussiste pur sempre una oggettiva impossibilità non imputabile al passeggero, di svolgere il viaggio.

Quando il viaggiatore si trova ormai nel paese che è diventato a rischio per la propria incolumità

E come comportarsi quando il viaggiatore si trova già nel luogo di destinazione, che è improvvisamente diventato a rischio? Facciamo chiarezza.

Può accadere, inoltre, che gli eventi precipitino mentre il viaggiatori già si trovi nel paese di destinazione.

In questo caso occorre rivolgersi all'Autorità diplomatica italiana, che potrà dare indicazione sui comportamenti da tenere.

Se nel Paese (il quale non sia appartenente all'nione europea) non esiste una rappresentanza italiana, ci si può rivolgere ad un’ambasciata di un altro Stato membro dell’Unione (in genere la Francia), che dovrà assistere gli altri cittadini europei come se fossero suoi cittadini nazionali; se si tratta di un pacchetto, occorre subito prendere contatti con il rappresentante del Tour operator, che per legge ha un obbligo di assistenza e che provvederà ad adottare le misure del caso, ivi compreso il rientro se e nella misura in cui si riveli necessario e possibile.

Quando un turista decide di disdire un pacchetto già prenotato ha degli oneri e delle penali, che aumentano con l’avvicinarsi della data di partenza. Se si annulla una prenotazione pochi giorni prima di partire, si perde il 100% di quello che si è pagato per quel viaggio, l’intero costo quindi.

Soltanto uno sconsiglio da parte della Farnesina, il ministero degli Affari Esteri, per la sicurezza o per problemi di sanità del luogo prescelto, può evitare le penali previste per l’annullamento del viaggio.

In questo caso il turista può decidere se scegliere un’altra località per la sua vacanza, oppure essere rimborsato.
Per non incorrere in penali, in mancanza dello sconsiglio della Farnesina, si può, però, sottoscrivere una assicurazione che copra le penali in casi di annullamento del viaggio (ma si consiglia di leggere tutte le clausole del contratto per capire in quali casi si possa annullare o meno la vacanza).

Chi ha acquistato pacchetti turistici che comprendono visite nelle città o regioni ‘sconsigliate’ ha diritto di richiedere il rimborso o, eventualmente, accettare la proposta di un viaggio alternativo o posticipato, a condizione, ovviamente, che l’acquisto del viaggio sia avvenuto prima che la situazione di crisi si verificasse”.

Alcuni casi particolari da porre all'attenzione del viaggiatore

Alcuni casi particolari che possono capitare al turista/viaggiatore in ambiti border line.

Veniamo ad alcuni casi border line che possono capitare, spesso, al viaggiatore.

Ad esempio, il turista che ha acquistato un pacchetto vacanze per una meta sicura ma deve fare scalo in un Paese a rischio può riprogrammare il viaggio?

In questo caso, molto dipenderà anche da quanto tempo dovrà rimanere in quel luogo ed andrà concordato con l’agenzia di viaggi.

Per le escursioni programmate nei luoghi caldi del territorio, l’interessato potrà richiedere il rimborso relativo al costo della singola escursione.

In definitiva, la risoluzione del contratto di acquisto di un pacchetto turistico è possibile quando c’è una causa di forza maggiore sopravvenuta alla conclusione del contratto stesso.

È possibile richiedere il rimborso o la riprogrammazione del pacchetto-viaggio solo per le aree esplicitamente sconsigliate dal ministero degli Affari Esteri.

Da notare bene che la riprogrammazione non vale per tutto lo Stato in questione ma solo per le zone definite esplicitamente a rischio.

Inoltre, in caso di escursioni nelle aree a rischio, con partenza da aeree sicure, è possibile chiedere la riprogrammazione in altri luoghi o il rimborso relativamente alle singole escursioni.
- La richiesta di riprogrammazione va fatta all’agenzia che ha venduto il pacchetto turistico.

Il rifiuto ingiustificato del viaggiatore ad accettare una destinazione turistica alternativa offertagli dal tour operator, non comporta responsabilità risarcitoria di quest’ultimo.

Scegliendo la restituzione dell’importo la disciplina applicabile è:

20 novembre 2015 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su piccolo manuale del viaggiatore: prevenzione rischi e consigli. Clicca qui.

Stai leggendo Piccolo manuale del viaggiatore: prevenzione rischi e consigli Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 novembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 14 dicembre 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - viaggi vacanze e tempo libero Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca