Quando il paese scelto dal viaggiatore diventa a rischio prima ancora di averlo raggiunto

Come comportarsi quando ormai si è prenotato il viaggio ed il luogo di destinazione diventa improvvisamente a rischio? Scopriamolo.

Se, quando ormai il viaggio è stato prenotato e gli importi per lo stesso saldati, il Paese diviene a rischio, occorre consultare immediatamente l'Unità di Crisi della Farnesina.

Nel caso in cui il Ministero sconsigli i viaggi nel Paese (o comunque nella zona che costituisce la meta del viaggio) è possibile recedere dal contratto di viaggio senza pagare alcuna penale. Il contratto infatti si risolve, venendo meno la finalità turistica che ne costituiva la causa.

Nel caso in cui non si sia comprato un pacchetto, ma solo un volo aereo o un passaggio in traghetto,o si può comunque chiedere il rimborso, perché sussiste pur sempre una oggettiva impossibilità non imputabile al passeggero, di svolgere il viaggio.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando il paese scelto dal viaggiatore diventa a rischio prima ancora di averlo raggiunto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.