Difendersi dai creditori con il gratuito patrocinio

Se l'avvocato offende è sempre il cliente a dover risarcire gli eventuali danni alla parte offesa

25 marzo 2016 - Lilla De Angelis

Delle offese contenute negli scritti difensivi risponde sempre la parte (articolo 89 del codice di procedura civile), anche quando provengano dal difensore, sia perché gli atti di quest’ultimo sono sempre riferibili alla parte, sia perché la sentenza può contenere statuizioni dirette soltanto nei confronti della parte in causa.  Destinataria della eventuale domanda di risarcimento del [ ... leggi tutto » ]

L'avvocato sbaglia e fa perdere la causa? - Nessun risarcimento per il cliente

4 febbraio 2016 - Marzia Ciunfrini

La responsabilità dell'avvocato non può affermarsi per il solo fatto del suo non corretto adempimento dell'attività professionale, occorrendo verificare se l'evento produttivo del pregiudizio lamentato dal cliente sia riconducibile alla condotta del primo, se un danno vi sia stato effettivamente ed, infine, se, ove questi avesse tenuto il comportamento dovuto, il suo assistito, alla [ ... leggi tutto » ]

Il notaio che accetta l'incarico deve pubblicare e trascrivere l'atto anche se il cliente non anticipa le spese necessarie

9 dicembre 2015 - Marzia Ciunfrini

Il notaio ha la facoltà di rifiutare la propria prestazione professionale se le parti non depositino presso di lui le somme necessarie per le tasse, l'onorario e le spese, ma, una volta che abbia comunque accettato di eseguire la prestazione richiestagli e di ricevere l'atto, il mancato pagamento di tali importi non lo autorizza a sottrarsi all'obbligo di provvedere alle formalità [ ... leggi tutto » ]

Pagamento della consulenza tecnica d'ufficio - Le parti sono solidalmente obbligate indipendentemente da quanto stabilito nella pronuncia giudiziale sulle spese

16 novembre 2015 - Roberto Petrella

Poiché la consulenza tecnica d'ufficio rappresenta non un mezzo di prova in senso proprio, ma un ausilio per il giudice e, quindi, un atto necessario del processo che il perito pone in essere nell'interesse generale della giustizia e comune delle parti, il regime del pagamento delle spettanze del medesimo prescinde dalla ripartizione dell'onere delle spese tra le parti contenuto in sentenza, che [ ... leggi tutto » ]

Transazione stragiudiziale ed obbligazione solidale per le parti al pagamento delle parcelle degli avvocati intervenuti nell'accordo

5 novembre 2015 - Piero Ciottoli

Quando un giudizio è definito con transazione, tutte le parti che hanno transatto sono solidalmente obbligate al pagamento degli onorari e al rimborso delle spese di cui gli avvocati ed i procuratori che hanno partecipato al giudizio negli ultimi tre anni fossero tuttora creditori per il giudizio stesso (articolo 68 regio DL 1578/1933).  E' evidente che la norma si riferisce ad ogni accordo [ ... leggi tutto » ]

La sede dell'organismo di mediazione civile va individuato in base a quella del foro giudiziale competente

26 settembre 2015 - Loredana Pavolini

La domanda di mediazione per una controversia in ambito civile e commerciale va presentata mediante deposito di un'istanza presso un organismo nel luogo del giudice territorialmente competente per la controversia.  In caso di più domande relative alla stessa controversia, la mediazione si svolge davanti all'organismo territorialmente competente presso il quale è stata presentata la prima [ ... leggi tutto » ]

Prescrizione ordinaria del diritto dell'avvocato al pagamento dell'onorario in caso di morte del cliente

25 settembre 2015 - Carla Benvenuto

La prescrizione del diritto dell'avvocato al pagamento dell'onorario decorre non solo dalla decisione della lite, dalla conciliazione delle parti o dalla revoca del mandato o ancora dall'ultima prestazione resa (in caso di rapporto di assistenza legale non portato a termine), ma anche dal momento in cui, per qualsiasi causa, cessi il rapporto col cliente, ivi compresa la morte di quest'ultimo.  Si [ ... leggi tutto » ]

Recupero crediti per l'onorario del difensore nominato d'ufficio - Se l'assistito si rende irreperibile le spese legali possono essere poste a carico dello Stato

31 luglio 2015 - Loredana Pavolini

La normativa vigente prescrive che il difensore nominato d'ufficio è tenuto ad esperire le procedure per il recupero dell'onorario e delle spese, non potendo queste essere poste a carico dell'erario solo per l'assunzione dell'incarico professionale.  Tuttavia, se tali procedure non sono possibili perché il debitore non è rintracciabile, in quanto irreperibile, non può esigersi [ ... leggi tutto » ]

Prescrizione per la parcella di un avvocato - Decorrenza, comunicazione interruttiva dei termini ed implicazioni dell'eccezione di prescrizione

2 luglio 2015 - Carla Benvenuto

Costituisce atto idoneo ad interrompere la prescrizione l'inoltro della richiesta di adempimento per lettera raccomandata, la cui spedizione è provata dalla relativa ricevuta e i cui particolari doveri di consegna a carico del servizio postale ne fanno presumere l'arrivo al debitore, pur in assenza della ricevuta di ritorno.  Solo a seguito di contestazione del destinatario sorge l'onere per il [ ... leggi tutto » ]

Danno da circolazione stradale - Criteri di risarcibilità delle spese legali

5 giugno 2015 - Giuseppe Pennuto

Nella speciale procedura per il risarcimento del danno da circolazione stradale, il danneggiato ha facoltà, in ragione del suo diritto di difesa, costituzionalmente garantito, di farsi assistere da un legale di fiducia e, in ipotesi di composizione bonaria della vertenza, di farsi riconoscere il rimborso delle relative spese legali.  Se invece la pretesa risarcitoria sfocia in un giudizio nel [ ... leggi tutto » ]