Tutela consumatore e pratiche commerciali scorrette - conclusioni

I giudici, hanno ribadito quindi la necessità che le offerte commerciali siano improntate alla massima chiarezza, al fine di far comprendere al consumatore interessato le caratteristiche esatte dell'offerta.

Nel caso in esame la condotta della società va considerata grave, in quanto la pubblicità è tale da “fuorviare” la consapevolezza del consumatore.

In conclusione, il Consiglio di Stato ha ripristinato l'originaria sanzione di 370.000 euro.

29 marzo 2013 · Tullio Solinas

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tutela consumatore e pratiche commerciali scorrette - conclusioni. Clicca qui.

Stai leggendo Tutela consumatore e pratiche commerciali scorrette - conclusioni Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 29 marzo 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca