T-RED, arrestato il progettista e indagati 63 comandanti dei vigili urbani - Le multe pagate saranno rimborsate? [Commento 1]

  • sergio zaro 14 febbraio 2009 at 22:29

    “Comunicato Stampa”
    a cura dell'Avv. Sergio Zaro legale di fiducia del Presidente, e della Comandante della Polizia Locale, dell'Unione fra i Comuni di Lonate Pozzolo e Ferno

    Gallarate, 12 febbraio 2009

    In merito agli articoli di cronaca pubblicati di recente su alcuni quotidiani, circa i cosiddetti semafori “T-Red”, l'Avv. Sergio Zaro, nella qualità di cui sopra, precisa quanto segue:
    § Il Presidente, e la Comandante della Polizia Locale, dell'Unione fra i Comuni di Lonate Pozzolo e Ferno, sono assolutamente estranei ai presunti fatti illeciti narrati nei suddetti articoli, non avendo peraltro gli stessi mai ricevuto alcun avviso di garanzia.
    § La società fornitrice, già nelle fasi della procedura di gara, faceva consegna al suddetto Ente Territoriale dei decreti di omologazione rilasciati dal Ministero dei Trasporti.
    § L'apparecchiatura T-Red, collocata nel Comune di Lonate Pozzolo, veniva rimossa fin dal luglio del 2008 per scadenza del contratto annuale con la società fornitrice.
    § Il sistema T-Red non fu mai utilizzato in combinazione con altro sistema di regolazione del naturale ciclo semaforico di rilevamento del traffico o della velocità.
    § A seguito dell'installazione del T-Red non fu apportata alcuna riduzione del tempo originario di accensione della luce semaforica gialla.
    § L'accertamento delle infrazioni è sempre avvenuto, solo ed esclusivamente, ad opera degli Agenti preposti a tale servizio attraverso la visione dei relativi fotogrammi.
    § I verbali delle infrazioni, venivano redatti dall'Agente preposto, a mezzo di sistema informatico (conformemente a quanto previsto dall'art. 3 del D.L.vo 1272/93 n. 39), e successivamente trasmessi, in via telematica, alla società incaricata della gestione dei servizi pubblici, per la stampa e la spedizione.
    § La Comandante della Polizia Locale non ha mai percepito, a fronte delle entrate derivanti dalle relative sanzioni pecuniarie, alcuna indennità od emolumento.
    § Il Presidente, e la Comandante della Polizia Locale, dell'Unione fra i Comuni di Lonate Pozzolo e Ferno, si riservano di costituirsi parte civile nei confronti dei responsabili dei fatti oggetto di indagine da parte della Procura della Repubblica di Verona, al fine di ottenere il risarcimento di tutti i danni patrimoniali, nonché morali per il grave pregiudizio arrecato al prestigio e alla credibilità dell'Ente Territoriale e dell'intero reparto della Polizia Locale.

1 2

Torna all'articolo