Trattare con il creditore è un pò come giocare una partita a poker

In certe situazioni non si può decidere cosa si vuole o non si vuole.

Se lei non ha altre proprietà o disponibilità (conto corrente con liquidità importanti) l'unico modo per dare le carte è quello di ostentare al creditore sicurezza e determinazione.

Ti offro tot. Se accetti bene, altrimenti “pippa”.

Questo comporta anche la possibilità che il creditore proceda per via giudiziale al pignoramento del quinto dello stipendio.

Se non può accettare un simile “costo” allora non può fare altro che subire le condizioni imposte dal creditore.

E' la legge del poker. Se si bluffa è sempre possibile che l'altro veda le carte … Se questa eventualità non ci piace, evitiamo di bluffare e passiamo la mano.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su trattare con il creditore è un pò come giocare una partita a poker. Clicca qui.

Stai leggendo Trattare con il creditore è un pò come giocare una partita a poker Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info