Tracciabilità e pagamenti a rate

Tracciabilita' » Come funziona per pagamenti a rate?

In caso volessi effettuare un acquisto di un oggetto costoso (più di mille euro) e lo volessi pagare in contanti, è possibile suddividere il pagamento a rate?

Cosa dice la legge sulla tracciabilità in materia?

Tracciabilita' » Natura del contratto

Come è noto a tutti, uno dei tanti problemi che pone il divieto di pagamento in contanti per importi uguali o superiori a 1000 euro è nel caso di vendita di beni o servizi a rate.

Nel 2011, infatti, è stato nuovamente abbassato il limite per la tracciabilità delle operazioni di trasferimento di denaro tra soggetti diversi.

Attualmente, il pagamento in contanti è possibile solo per importi fino a 999,99 per singola operazione. Superato tale limite, è obbligatorio usare strumenti di pagamento tracciabili come il bonifico bancario, la carta di credito, gli assegni, ecc.

Sulla quetione, la legge vieta espressamente manovre elusive del divieto di legge. Pertanto non è corretto frazionare il pagamento in più rate al solo fine di aggirare il divieto di pagamento con il contante.

Infatti, il vincolo in questione investe il valore complessivo oggetto di trasferimento. In particolare il trasferimento in contanti è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia se essi siano stati artificiosamente frazionati solo per ovviare al limite delle mille euro.

In pratica, per stabilire se il pagamento rateizzato è fittizio, e quindi illecito perché usato solo per eludere la legge, bisogna vedere la natura del contratto e gli usi commerciali intercorsi tra le parti.

Se la suddivisione dell'importo pari o superiore a 1.000 euro dipende da contratti stipulati tra le parti che prevedano, ad esempio, rateazioni o somministrazioni, la molteplicità dei trasferimenti si può considerare una prassi commerciale e non, invece, una elusione della normativa. In tal caso, quindi, il pagamento in rate con cash è lecito.

27 dicembre 2013 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , ,

dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tracciabilità e pagamenti a rate. Clicca qui.

Stai leggendo Tracciabilità e pagamenti a rate Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 27 dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca