Tracciabilità » Natura del contratto

Come è noto a tutti, uno dei tanti problemi che pone il divieto di pagamento in contanti per importi uguali o superiori a 1000 euro è nel caso di vendita di beni o servizi a rate.

Nel 2011, infatti, è stato nuovamente abbassato il limite per la tracciabilità delle operazioni di trasferimento di denaro tra soggetti diversi.

Attualmente, il pagamento in contanti è possibile solo per importi fino a 999,99 per singola operazione. Superato tale limite, è obbligatorio usare strumenti di pagamento tracciabili come il bonifico bancario, la carta di credito, gli assegni, ecc.

Sulla quetione, la legge vieta espressamente manovre elusive del divieto di legge. Pertanto non è corretto frazionare il pagamento in più rate al solo fine di aggirare il divieto di pagamento con il contante.

Infatti, il vincolo in questione investe il valore complessivo oggetto di trasferimento. In particolare il trasferimento in contanti è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia se essi siano stati artificiosamente frazionati solo per ovviare al limite delle mille euro.

In pratica, per stabilire se il pagamento rateizzato è fittizio, e quindi illecito perché usato solo per eludere la legge, bisogna vedere la natura del contratto e gli usi commerciali intercorsi tra le parti.

Se la suddivisione dell'importo pari o superiore a 1.000 euro dipende da contratti stipulati tra le parti che prevedano, ad esempio, rateazioni o somministrazioni, la molteplicità dei trasferimenti si può considerare una prassi commerciale e non, invece, una elusione della normativa. In tal caso, quindi, il pagamento in rate con cash è lecito.

27 dicembre 2013 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tracciabilità » natura del contratto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • ANAM8 27 dicembre 2013 at 15:53

    Limitando l'uso del contante consegnamo la nostra vita alla banca, che già ne ha una bella fetta.
    Se ci toglie bancomat, carta di credito e assegni siamo morti!!!!!!!!!!!!!
    Potranno fare di noi quello che vogliono!!!! Ricattarci per comprare titoli spazzatura o se il cliente è una bella donna............