Tracciabilità del denaro nella sfera dei contratti di locazione

Veniamo ora ai canoni di locazione: da notare bene che anche l'affitto si può pagare in contanti, purché ogni singolo canone sia di importo inferiore a tremila euro.

Gli importi pari o superiori a tremila euro, invece, dovranno essere versati con strumenti tracciabili.

Comunque, se anche il contratto di locazione indica, quale corrispettivo, una somma annuale di oltre tremila euro, si deve guardare alla singola mensilità.

L'inquilino può quindi pagare mensilmente in contanti in quanto l'importo mensile è inferiore alla soglia massima di tremila euro.

Se, invece, il canone mensile è, ad esempio, di 3.500 euro, ciò impone l'utilizzo di mezzi tracciabili.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tracciabilità del denaro nella sfera dei contratti di locazione.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.