La tracciabilità del denaro in caso di pagamenti con assegni e bollettini postali

Anche qui niente limiti: ogni cittadino è libero di incassare assegni circolari per importi pari o superiori a tremila euro, a condizione, però, che si tratti di assegni circolari non trasferibili.

Anche i bollettini postali possono essere pagati in contanti per un importo pari o superiore a tremila euro.

Si tratta, infatti, di pagamenti che avvengono attraverso un intermediario, Poste italiane, e che, quindi, sono tracciati.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la tracciabilità del denaro in caso di pagamenti con assegni e bollettini postali.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.