Cosa dice la normativa vigente sulla tracciabilità dei pagamenti

Partiamo dal principio generale: sono vietati tutti i pagamenti con denaro contante per importi pari o superiori a tremila euro.

Ciò significa che si può pagare in denaro fino a 2.999,99 euro: superato questo tetto il pagamento dovrà necessariamente avvenire attraverso strumenti tracciabili come ad esempio, il bonifico bancario, gli assegni non trasferibili, le carte di credito o il bancomat.

Chi viola la normativa appena esplicata, rischia una sanzione che va dall'1% al 40% degli importi trasferiti oltre la soglia, ferma restando una penalità minima di 3.000 euro.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca