Toscana, un milione di euro per prestiti ai giovani

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui.

(AGI) - Firenze, 12 dicembre 2007 - I soldi ci sono: un milione di euro che serviranno a costituire un fondo di rotazione per garantire prestiti d'onore ed un aiuto economico ai giovani professionisti che si apprestano ad aprire una studio, magari uno studio associato. L'assessore alle professioni e alle riforme istituzionali della Toscana, Agostino Fragai ha confermato oggi nell'auditorium del Consiglio regionale, nel corso di un gremito convegno organizzato dall'Associazione nazionale dei consulenti del lavoro, l'intenzione già annunciata un paio di mesi fa.

Per attivare il fondo sarà necessaria una legge: l'occasione sarà la nuova legge toscana sulle professioni. "L'obiettivo è quello di permettere l'accesso dei giovani a queste risorse entro il primo semestre del prossimo anno - spiega - E per scrivere la legge convocheremo tra febbraio e marzo tutti i rappresentanti degli ordini e delle associazioni professionali in una sorta di piccolo town meeting, per confrontarsi assieme sui contenuti".

Gli aiuti per i giovani che vogliono aprire un bar, un'impresa agricola o una bottega artigiana già esistono. Non ci sono invece, al momento, aiuti economici per i giovani professionisti. Da qui la proposta dell'assessore. Si tratta di prestiti d'onore fino a 15 mila euro per i praticanti, senza interessi e restituibili in quattro anni, e contribuiti fino a 10 mila euro, sempre rivolti ai giovani, per sostenere l'avvio di studi professionali o renderne più competitiva l'attività, a vantaggio anche degli utenti. Una mano tesa verso tutti i professionisti, ‘vecchì e ‘nuovì , per i giovani inquadrati nei 28 ordini nazionali e quelli riuniti in associazioni.

"Aiutare i giovani professionisti nell'avvio di una nuova attività - conclude l'assessore - vuol dire anche favorire la mobilità sociale. Sostenere le professioni nel loro sviluppo è inoltre un passo obbligato, se vogliamo davvero modernizzare questo paese. Quella delle professioni è un'attività utile alla società e all'economia". (AGI)

13 dicembre 2007 · Antonio Scognamiglio

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 3 4 5

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca