Per ottenere l'anticipo del trattamento di fine rapporto (TFR) non è necessario aver perfezionato l'acquisto del bene

Sulla questione è però intervenuta la Corte Costituzionale con una sentenza di illegittimità costituzionale. A seguito di tale sentenza, si deve ritenere che, per ottenere l'anticipo, non sia necessario aver già perfezionato l'acquisto mediante il rogito. Al contrario, è sufficiente che l'acquisto sia in fase di perfezionamento, da dimostrarsi con mezzi idonei a comprovarne l'effettività.

Riguardo alle spese mediche, queste devono essere necessarie e straordinarie.

In altre parole, la struttura sanitaria pubblica deve riconoscere che la terapia o l'intervento siano necessari, nonché accertarne l'importanza e la delicatezza, da un punto di vista sanitario ed economico. E' invece indifferente che il trattamento sanitario possa, o non possa, essere praticato anche nelle strutture pubbliche.

Neppure è necessario che il lavoratore abbia preventivamente provveduto al pagamento delle cure.

In ogni caso, non è richiesto che il lavoratore presenti fatture o preventivi. Ne consegue che, ricorrendo le condizioni, il lavoratore può pretendere l'anticipo del 70% del TFR maturato, anche qualora la spesa effettivamente da sostenere fosse inferiore.

9 luglio 2013 · Stefano Iambrenghi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su per ottenere l'anticipo del trattamento di fine rapporto (tfr) non è necessario aver perfezionato l'acquisto del bene.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.