Testamento e successione » successione necessaria

Il Codice civile riserva necessariamente e cioè senza possibilità di eccezioni a determinati strettissimi congiunti (coniuge, discendenti e ascendenti, detti legittimari o eredi necessari) una rilevante quota dell'asse ereditario, che il de cuius durante la sua vita non può intaccare né con donazioni né con un testamento nel quale i predetti congiunti siano preteriti (cioè dimenticati) o addirittura diseredati.

Nel redigere il proprio testamento, oppure nell'effettuare donazioni in vita, il de cuius è dunque pienamente libero solamente con riguardo a una quota del suo patrimonio, chiamata quota disponibile, in contrapposizione a quella destinata per legge ai suoi stretti congiunti, denominata quota riservata o legittima).

Insomma, la sua volontà di destinare beni ad estranei è pur sempre esprimibile ma assai compressa

19 settembre 2013 · Andrea Ricciardi

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su testamento e successione » successione necessaria. Clicca qui.

Stai leggendo Testamento e successione » successione necessaria Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info