TASSABILITÀ DEI VERSAMENTI DELL'IMPRENDITORE

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Le anticipazioni del titolare di un'impresa “se integrano prestiti con obbligo di restituzione, non comportano un profitto per la società, ma si esauriscono in un incremento di liquidità, e, se siano effettuati a fondo perduto od in conto capitale, aumentano il patrimonio sociale, ma non sono computabili fra le sopravvenienze attive, in base all'espressa previsione del citato articolo 55, comma 4”.

Pertanto, considerato che “nessuna norma stabilisce che i versamenti in denaro (anticipazioni) fatti dal titolare a favore dell'azienda personale costituiscono sopravvenienze attive di quest'ultima”, dette anticipazioni non rappresentano profitto imponibile (C.Cass. sent. numero 21511 del 20 ottobre 2010).

La discussione continua a indebitati.it forum. Per porre una domanda agli esperti, accedi al forum.

8 novembre 2010 · Simone di Saintjust

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.