Tasi in arrivo » il vademecum

I dubbi sul pagamento della TASI

Tra poco scatterà il pagamento della tassa sulla prima casa, la Tasi. Ancora sono molti i dubbi dei contribuenti italiani su questa nuova imposta. Cerchiamo di chiarirli nell'articolo seguente.

Quando va pagata da sola

Primo aspetto da chiarire è se, sulla prima casa, si paghi esclusivamente la Tasi. La risposta è positiva. Sulle prime case esenti da Imu, ossia diverse da quelle considerare di lusso e accatastate nelle categorie A/1, a/8 e A/9, infatti, si paga solo la Tasi. L'aliquota massima di legge è pari al 2,5 per mille ma i Comuni possono ridurre l'aliquota fino ad azzerarla.

Non ci sono detrazioni in cifra fissa per la Tasi sulla prima casa come per l'Imu. In questo ambito, tutta la materia è demandata ai Comuni. Gli stessi, infatti, possono introdurre forme di agevolazione per i proprietari che ritengono più opportune.

Da notare bene, però, che la Tasi non ha sostituito l'Imu, ma si affianca a questa imposta. Quindi per lo stesso immobile, diverso dalla prima casa, sono dovute sia l'Imu sia la Tasi.

Contratti di locazione

Non c'è alcuna differenza in merito al pagamento di Imu e Tasi se l'immobile è a disposizione o affittato, e se si trova nella stessa città di residenza o in un altro Comune. In riferimento agli obblighi di pagamento non fa differenza neppure il Comune di residenza.

In caso di affitto, dunque, l'inquilino deve pagare una cifra che può variare tra il 10% e il 30% della Tasi dovuta. La quota di pagamento è stabilita dal Comune all'interno di questa forbice.

In più, se l'inquilino non paga la sua quota della Tasi, la responsabilità è solo sua e non del padrone di casa. Il proprietario non può essere chiamato a pagare al suo posto.

Il proprietario, inoltre, non può pagare per intero la Tasi e poi rivalersi sull'inquilino, perchè le responsabilità sono distinte.

Ciascuno è tenuto a pagare la sua quota. Spetta all'inquino informarsi e pagare, e il proprietario non può richiedergli di anticipare alcuna somma per effettuare un pagamento al suo posto.

Per quanto attiene alle agevolazioni per chi da dato l'appartamento in affitto a canone concordato, la normativa, anche qui, ha lasciato tutte le decisioni ai Comuni.

Spetta quindi ai singoli enti stabilire se e come agevolare i proprietari in caso di canone concordato.

TASI - Importi pagamenti e scadenze

Riguardo la corresponsione dell'imposta, si può fare un versamento unico al comune sommando Imu e Tasi, usando un unico modello F24. I pagamenti, però, debbono essere distinti utilizzando i diversi codici tributo.

Ricordiamo che è possibile che per la Tasi sulla prima casa si arrivi a pagare più dell'Imu se l'aliquota è più bassa, se il Comune prevede agevolazioni diverse rispetto a quelle previste per legge in passato per la prima casa.

E' possibile dire che in linea di massima la Tasi costerà meno per le rendite catastali elevate, nella maggior parte dei casi sarà uguale a zero per le rendite basse (fino a 300 euro) che però anche con l’Imu non pagavano nulla.

C’è poi una grande fascia di mezzo, diciamo tra i 300 e i 900 euro di rendita, dove la Tasi può costare di più, almeno dove il Comune non è intervenuto prevedendo detrazioni.

Per quanto riguarda le scadenze, se il Comune non ha pubblicato la delibera entro il 31 maggio 2014 il pagamento per le seconde case slitta al 16 settembre e quello per le prime case al 16 dicembre.

21 maggio 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tasi in arrivo » il vademecum. Clicca qui.

Stai leggendo Tasi in arrivo » Il vademecum Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 21 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria iuc tarsu tia imu tasi service tax e altri tributi locali Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca