Casa coniugale assegnata al coniuge - chi paga la tasi

Nei casi di assegnazione della casa coniugale al coniuge disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio la TASI deve essere versata solo dal coniuge cui è stata assegnata l'ex casa familiare ed è sempre considerata abitazione principale.

L'altro coniuge potrà beneficiare delle agevolazioni per l'abitazione principale sull'eventuale altro immobile posseduto nel quale risiede anagraficamente e dimora abitualmente.

La detrazione di € 30,00 per ciascun figlio di età inferiore a 26 anni, se dimorante e residente nell'immobile, in mancanza di accordo tra le parti è attribuita al 100% al genitore affidatario oppure in caso di affidamento condiviso e/o congiunto è attribuita al 50% ciascuno, a condizione che il figlio abbia la residenza anagrafica e la dimora abituale presso uno o l'altro genitore.

In ogni caso i genitori possono decidere di comune accordo di attribuire l'intera detrazione ad un solo genitore nel caso in cui l'altro genitore non possa usufruirne in tutto o in parte.

Briciole di pane - navigare a ritroso nelle sezioni

debiti origine conseguenze tutele
origine dei debiti
fisco tributi e contributi
iuc tarsu tia imu tasi service tax e altri tributi locali
tasi – abitazione principale ed unità abitative assimilabili all’abitazione principale

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su casa coniugale assegnata al coniuge - chi paga la tasi. Clicca qui.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info