Abitazione principale e relative pertinenze agli effetti della TASI

Agli effetti della TASI (TAssa sui Servizi Indivisibili) deve intendersi per abitazione principale l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.

Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quello classificate nelle categorie catastali, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.

Possono essere considerate abitazioni principali agli effetti TASI solo gli immobili classificati in categoria catastale A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7. Possono essere considerati pertinenze delle abitazioni principali agli effetti TASI solo gli immobili classificati in categoria catastale C/2, C/6 e C/7.

Il valore della base imponibile si ottiene moltiplicando la rendita risultante in catasto, rivalutata del 5%, per 160.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su abitazione principale e relative pertinenze agli effetti della tasi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.