Tariffe professionali - le liberalizzazioni a tutela della concorrenza e del consumatore

La sentenza numero 9358 della seconda sezione Civile della Cassazione, depositata il 17 aprile 2013, segna un altro importante punto a favore delle liberalizzazione delle tariffe professionali.

L'occasione per sancire fondamentali principi in tema di liberalizzazione delle tariffe professionali è stata offerta alla Corte Suprema dall'esame di legittimità di un procedimento disciplinare a carico di un notaio, accusato di aver stipulato moltissimi mutui, in numero superiore alla media degli altri notai dello stesso distretto, percependo compensi inferiori ai minimi previsti dalla tariffa professionale.

Gli ermellini hanno ribaltato la sentenza della Corte d'appello, mandando assolto il notaio, sotto il profilo della violazione del comma 2 dell'articolo 147 legge notarile numero 89/1913, secondo il quale l'illecita concorrenza rappresenta un mezzo di pubblicità e di richiamo idoneo a porre in essere un comportamento disdicevole.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tariffe professionali - le liberalizzazioni a tutela della concorrenza e del consumatore.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.