T-Red, la recente sentenza di un giudice di pace di Milano può essere richiamata come precedente per chiedere l'annullamento delle multe truffa

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il 24 settembre 2008  un giudice di Pace di Milano ha riconosciuto, per la prima volta, la “non colpevolezza” del multato.

Il giudice di Pace di Milano, Sezione IX Civile, ha accolto, infatti, il ricorso presentato da un cittadino milanese che aveva ricevuto, tra le decine di migliaia comminate dalla Polizia Municipale di Segrate, una contravvenzione rilevata il 30 novembre 2006 con il dispositivo T-Red applicato ai semafori degli incroci sulla strada provinciale Cassanese.

Un comunicato della Federconsumatori milanese rende noto che “il giudice di Pace, sulla scorta della audizione di un teste, dopo ampia istruttoria, ha rilevato che non vi fosse alcuna documentazione che provasse il corretto funzionamento del dispositivo e, come sottolinea sempre il magistrato nella sentenza, la dichiarazione di non corretto funzionamento della apparecchiatura di rilevazione avrebbe come conseguenza diretta la necessità di annullamento dei verbali emessi per le violazioni rilevate dalla stessa…” .

Su questa base, che potrebbe interessare migliaia di altri multati non solo a Milano, il giudice ha accolto il ricorso del cittadino milanese che era assistito dall'avvocato Gian Clemente Benenti del Foro di Milano, con il patrocinio della Federconsumatori Milano e ha annullato la multa.

1 febbraio 2009 · Giuseppe Pennuto

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.