Suicida per i debiti: “Era esasperato dagli usurai”

Sette rinviati a giudizio per usura, altre quattro persone stralciate dal fascicolo per un vizio di notifica, due vittime costituitesi parti civili e decise a partecipare al processo come grandi accusatori.

È l’esito dell’udienza preliminare che si e' svolta ieri per la maxi inchiesta antiusura che il sostituto procuratore Alberto Landolfi ha coordinato dal 2006 arrestando undici persone e scoperchiando una pentola di prestiti a “strozzo” impressionante.

Tutta l’indagine parti' dal tragico suicidio di un macellaio di Borgio Verezzi (Mauro Baglietto) sparatosi nella propria macelleria nell’agosto 2006 perche' strangolato dai debiti. Morendo lascio' un biglietto: «Ecco chi mi ha rovinato la vita». A seguire c’era l’elenco dei nomi degli strozzini che poi sono stati indagati e incastrati.

Dopo circa un anno (nel 2007) finirono in carcere in 11 mentre il bilancio finale degli “usurati” accerto' ben 24 vittime tra artigiani, commercianti e piccoli imprenditori strangolati dall’organizzazione che faceva capo a Michele “Romano” Cetriolo.

Ieri l’udienza preliminare davanti al gup Romano si e' svolta con gli avvocati di quattro degli indagati (Bruno Piave, Fabio Domenicale, Romano Riba ed Enrico Gozzi) che hanno eccepito un vizio di notifica della fissazione dell’udienza («non sono stati rispettati i dieci giorni necessari») e cosi' hanno ottenuto di stralciare la posizione dei propri assistiti che torneranno davanti al giudice a novembre.

Mentre per gli altri sette (“Romano” Cetriolo, Armando Tortelli, Renato Bogliorio, Fabrizio Toselli, Irene Quaglia, Mario Langhetti e Adriano Mortarelli) il giudice ha accolto il teorema accusatorio disponendo il rinvio a giudizio per tutti e fissando la prima udienza del processo per il 18 maggio 2009. Sara' un’udienza “filtro” (per calendarizzare le altre successive) davanti al collegio.

Gli imputati risponderanno non solo del concorso di usura ma anche di associazione per delinquere, di alcuni episodi di estorsione e sei di loro (Cetriolo, Piave, Riba, Gozzi, Langhetti e Mortarelli) soprattutto – ed e' questo che ha scaldato gli animi in udienza – dell’articolo “586”, ovvero della morte (del macellaio) come conseguenza di altro delitto. Dopo un’accesa battaglia dialettica tra il pm Landolfi e l’avvocato Giovanni Ricco (assiste Cetriolo col collega Flavio Opizzo) il gup Romano ha accolto la tesi di Landolfi che ha considerato le pressioni, psicologiche ma non solo, della banda Cetriolo al macellaio di Borgio, come la causa principale del suo gesto estremo di togliersi la vita.

Offri il tuo contributo virtuale alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Suicida per i debiti: “Era esasperato dagli usurai” Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il 17 settembre 2008 Ultima modifica effettuata il 20 settembre 2014 Classificato nelle categorie attualità gossip politica Etichettato con tag Archiviato nella sezione politica ed attualità, cronache dal pianeta debiti, riflessioni, altri contenuti » attualità politica e gossip Letture 42 Numero di commenti e domande: 1

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Per inserire un commento o una domanda devi prima autenticarti cliccando qui

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere registrato e connesso per poter inserire un commento o un quesito. Se non sei un utente registrato, puoi commentare gli articoli o inserire un quesito nel forum, anche con un account Facebook o Google+.

  • giovanni 30 aprile 2010 at 00:27

    spero che facciano cosi’ anche per l’agenzia delle entrate nei miei confronti

naviga

cerca

home

naviga

cerca

home