Successione: differenze tra curatore dell'eredità ed esecutore testamentario

Il curatore dell'eredità viene nominato dal Tribunale quando l'erede del defunto non ha accettato l'eredità e non è nel possesso dei beni ereditari e rimane in carica finché quest’ultima non viene accettata.

Il suo compito è quello di inventariare il patrimonio del defunto e di amministrarlo in vista del passaggio definitivo dei beni all'erede.

L'esecutore testamentario, invece, viene nominato direttamente dal testatore nel proprio testamento affinché curi l'esatta esecuzione delle disposizioni di ultima volontà.

Rimane in carica per un anno rinnovabile soltanto di un altro anno dall'autorità giudiziaria sentiti gli eredi.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su successione: differenze tra curatore dell'eredità ed esecutore testamentario. Clicca qui.

Stai leggendo Successione: differenze tra curatore dell'eredità ed esecutore testamentario Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 3 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info