Con il testamento si può disporre di un bene di cui non si è proprietari

Con il testamento si può disporre di un bene di cui non si è proprietari e lo strumento idoneo a realizzare una tale volontà si chiama legato di cosa altrui.

Per legge infatti il testatore può attribuire un bene determinato che non gli appartiene a patto che dal testamento o da altro scritto del testatore si evinca la sua consapevolezza dell'altrui proprietà.

All'apertura della successione, se nel frattempo il defunto non è divenuto proprietario del bene, gli eredi avranno l'obbligo di acquistare dal terzo proprietario il bene e di trasferirlo al beneficiario del legato.

In alternativa, gli eredi possono pagare a quest’ultimo il giusto prezzo, ossia l'equivalente in denaro del valore del bene.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su con il testamento si può disporre di un bene di cui non si è proprietari. Clicca qui.

Stai leggendo Con il testamento si può disporre di un bene di cui non si è proprietari Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 3 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali Numero di commenti e domande: 2

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info