Prassi da seguire dopo il decesso di un familiare - decesso all'estero

Se la dipartita è avvenuta all'estero, i congiunti devono subito comunicarlo al Consolato Generale o all'Ambasciata Italiana per ottenere il nulla osta al rimpatrio della spoglia mortale.

La scomparsa di un cittadino italiano all'estero, infatti, deve essere trascritta in Italia.

Per fare ciò occorre l'atto di morte emesso dall'Ufficio di Stato Civile competente, certificato conforme all'originale e tradotto, nonché la documentazione comprovante la cittadinanza del defunto se non iscritto nello schedario consolare.

È possibile reperire informazioni sulle modalità di trasmissione sulsito della Farnesina.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prassi da seguire dopo il decesso di un familiare - decesso all'estero . Clicca qui.

Stai leggendo Prassi da seguire dopo il decesso di un familiare - decesso all'estero Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 4 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 13 dicembre 2016 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info