SUCCESSIONE - ACCETTAZIONE DELLA EREDITA'

L'apertura della successione avviene alla morte del de-cuius e presso il tribunale di zona del suo ultimo domicilio. A ciò segue la delazione, ovvero l'offerta dell'eredità ai cosiddetti “chiamati all'eredità”.

Tale delazione, come già visto, può avvenire per testamento o per legge.

I chiamati all'eredità devono valutare se accettare o rinunciare. L'accettazione trasforma il chiamato all'eredità in un erede vero e proprio e può essere:

  1. ACCETTAZIONE ESPRESSA  il chiamato dichiara espressamente, con atto pubblico o scrittura privata, di accettare l'eredità. E' un atto unilaterale ed irrevocabile.
  2. ACCETTAZIONE TACITA  avviene tramite il compimento di un atto che fa presupporre la sua volontà di accettare (articolo 476 del codice civile). Ciò , per esempio, attraverso l'appropriazione dei beni ereditati o la loro vendita, donazione, cessione, etc..
  3. ACCETTAZIONE CON BENEFICIO D'INVENTARIO  è l'unica forma di accettazione che permette di tenere distinti i beni dell'erede da quelli ereditati dal “de cuius”, con la conseguenza che l'erede risponderà ai debiti ereditari solo nei limiti del valore della propria quota (articolo 490 del codice civile). Tale accettazione deve avvenire mediante dichiarazione ad un notaio o presso la cancelleria del tribunale ove è aperta la successione.

L'accettazione deve avvenire entro tre mesi e quaranta giorni (tre mesi per fare l'inventario e 40gg per decidere) dall'apertura della successione nel caso in cui il chiamato sia in possesso dei beni ereditari. Diversamente si può accettare entro il termine di prescrizione del diritto, 10 anni.

Presso un notaio o il cancelliere del tribunale può anche essere depositato un atto di RINUNCIA.

La rinuncia, che fa perdere la qualità di erede, può avvenire entro il termine di prescrizione di 10 anni, e può essere fatta a patto di non possedere i beni ereditari e se non si sono compiuti atti che possano determinare l'accettazione tacita. Entro gli stessi 10 anni la rinuncia può essere revocata, ma solo nel caso in cui nessun altro erede abbia nel frattempo accettato l'eredità.

Da precisare che, in caso di legato testamentario, non occorrerebbe presentare alcuna accettazione. E' infatti possibile la sola rinuncia, mentre l'accettazione si dà per certa.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su successione - accettazione della eredita'.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • eliana 28 febbraio 2011 at 16:23

    Salve, ho rinunciato all'eredità di mio padre che faceva l'infermiere,perchè era nulla tenente e pieno di debiti . Oggi mi chiamano dall'uffici della asl per dirmi che mi spetta la liquidazione, la pensione fino ai 26 anni perchè sono studentessa. Ma avendo rinunciato all'eredità non ho rinunciato a tutto?? e se accetto devo pagare i debiti ?? grazie

    • cocco bill 28 febbraio 2011 at 20:08

      Ciao Eliana. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "debiti e sovraindebitamento" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

    1 3 4 5