Eredita, successione e casa cointestata » testamento in assenza di figli

Nel caso di decesso, senza figli e senza testamento, al coniuge spettano i due terzi dell'eredità, mentre il restante spetta ai fratelli e sorelle del defunto, oppure, in loro mancanza, ai nipoti, figli dei predetti.

Quando si verifica, invece, un decesso con testamento e senza figli, può lasciare fino a metà del suo patrimonio a chi vuole e quindi ai suoi nipoti. L'altra metà che spetta di diritto al coniuge prende il nome di legittima.

Come ultima alternativa, sempre con testamento, può lasciare, legato in sostituzione di legittima, l'usufrutto vitalizio dei suoi beni a suo marito e la nuda proprietà ai suoi nipoti.

Scegliendo questa possibilità, al coniuge spetta solo il godimento dei beni ed i nipoti diventeranno pieni proprietari alla morte di suo marito, senza dover corrispondere altre imposte di successione.

Solo al coniuge separato con addebito e all'ex consorte in caso di divorzio non spettano diritti di successione.

4 ottobre 2013 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su eredita, successione e casa cointestata » testamento in assenza di figli. Clicca qui.

Stai leggendo Eredita, successione e casa cointestata » testamento in assenza di figli Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 4 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca