La morosità nel subentro e la voltura delle utenze domestiche

1. Utenze domestiche di luce e gas: il subentro e la voltura » Come risolvere il problema delle morosità pregresse
2. Che cos'è la voltura delle utenze domestiche
3. Che cos'è il subentro per le utenze domestiche
4. La morosità delle bollette nel subentro e nella voltura delle utenze domestiche
5. Problematiche comuni riscontrate nel subentro o nella voltura delle utenze domestiche

Utenze domestiche di luce e gas: il subentro e la voltura » Come risolvere il problema delle morosità pregresse

Come va gestita la morosità di bollette di luce e gas riguardo al subentro o la voltura delle utenze domestiche.

Quando viene ceduto, oppure affittato nuovamente un immobile, può accadere, non di rado, che il precedente inquilino non abbia pagato una o più bollette di qualsivoglia utenza, che sia gas o luce.

In tale ipotesi, molto spesso, il fornitore di energia imputa al nuovo utente, che chiede di subentrare nell'utenza, le morosità lasciate dal precedente utente, impedendo l'attivazione della fornitura o minacciandone la sospensione fino a quando il debito pregresso non viene saldato.

A monte del problema vi è, chiaramente, un disordine etimologico e normativo tra due differenti pratiche, ovvero il subentro e la voltura nelle utenze domestiche che, attenzione, sono due cose assai diverse.

Sì. Spesso queste due parole vengono utilizzate indifferentemente, poiché le procedure per intestare le utenze ad un nuovo proprietario non cambiano molto, ma in realtà non indicano proprio la stessa cosa.

Si parla di voltura di contratto quando il contratto è ancora in essere: la procedura, in questo caso, serve per cambiare il nome della contraenza su un contratto già esistente e non prevede alcuna interruzione dell'erogazione del servizio.

Si parla di subentro, invece, quando il precedente titolare delle utenze aveva già chiuso i precedenti contratti che nel frattempo, quindi, hanno già cessato di esistere.

Questa distinzione, in realtà, è importante nel caso di vecchie bollette non pagate: infatti, se con il subentro il nuovo arrivato non è tenuto a pagare i vecchi debiti di chi lo precedeva (purché non si rientri in una parentela col vecchio intestatario fino al quarto grado), la voltura prevede, in teoria, anche l'accollamento di vecchie bollette insolute.

In realtà, i consumatori devono sapere che, quest'ultimo, è un comportamento assolutamente illecito, praticato da, quasi tutti, i fornitori di energia.

Vediamo perché.

Che cos'è la voltura delle utenze domestiche

Per voltura dell'utenza domestica si intende il contemporaneo passaggio del contratto di fornitura da un cliente a un altro senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica o di gas.

La voltura, dunque, è la modifica di intestazione di un contratto di fornitura già esistente. Con la sottoscrizione del contratto di Voltura vengono trasferiti in capo al subentrante tutte le obbligazioni derivanti dal contratto preesistente.

Da notare bene, che le società che forniscono luce e gas prevedono che il contratto venga stipulato esclusivamente dal soggetto che possa dimostrare la legittima disponibilità dell’immobile attraverso un titolo di proprietà, di locazione, di assegnazione in seguito a separazione personale, di comodato o usufrutto.

I dati da comunicare per la voltura, sono:

I documenti da presentare per la voltura, sono:

  • Titolo proprietà
  • Titolo locazione
  • Titolo comodato (ovvero nulla-osta del proprietario dell'immobile a sottoscrivere il contratto di fornitura idrica)
  • Dati catastali dell’unità immobiliare servita, da riportare su apposito modulo elaborato dalla Società.
  • In caso di Attività Produttive e/o Persone Giuridiche allegare anche copia dell'iscrizione alla Camera di Commercio con codice fiscale e/o partita iva.

    In caso di morte dell'intestatario, l'erede subentra nella titolarità del contratto presentando il certificato di morte dell'intestatario o autocertificando il decesso del titolare.

    In caso di separazione o divorzio, se il richiedente è legalmente separato o divorziato ed è assegnatario dell'immobile servito può subentrare nella titolarità del contratto documentando tale condizione a attraverso la certificazione attestante lo stato di separato/divorziato o la dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante l'assegnazione dell'appartamento coniugale.

    L'importo dovuto per la voltura è di euro 25,83 oltre imposte di legge (euro 16,00). Viene pagato all'atto di sottoscrizione.

    In caso di voltura per morte dell'intestatario o per separazione/divorzio vengono pagate solo le imposte di legge.

    Che cos'è il subentro per le utenze domestiche

    Il subentro per le utenze domestiche è l'attivazione della fornitura da parte di un nuovo cliente in seguito alla cessazione del contratto del cliente precedente, che ha richiesto anche la disattivazione del contatore.

    La richiesta di subentro è equiparata a una richiesta di attivazione e va presentata, secondo le modalità previste, al venditore, che entro 2 giorni lavorativi la trasmette al distributore.

    Realizza il subentro l'impresa di distribuzione competente per territorio.

    Il distributore deve attivare la fornitura entro 10 giorni lavorativi dal giorno in cui ha ricevuto la richiesta di subentro.

    Se per cause imputabili al distributore la fornitura viene attivata oltre il tempo previsto, il cliente dotato di un contatore fino alla classe G6 deve automaticamente ricevere un indennizzo di 30 €.



    La morosità delle bollette nel subentro e nella voltura delle utenze domestiche

    Dunque, come spiegato nei precedenti paragrafi, nella fattispecie del subentro delle utenze domestiche, si è di fronte a due contratti differenti: il nuovo utente non dovrà, mai, rispondere dei debiti del vecchio utente.

    Sono infatti due rapporti contrattuali distinti, con obbligazioni altrettanto distinte e imputabili quindi a soggetti diversi.

    Per i debiti pregressi, il fornitore potrà rivalersi solo ed esclusivamente sul vecchio utente che li ha contratti.

    Anche giurisprudenza consolidata ed Agcm (o Antitrust), hanno chiarito che il gestore non potrà mai rifiutarsi di attivare un'utenza a chi chiede il subentro per morosità lasciate dal vecchio contraente.

    Da ciò ne conviene che il gestore non potrà pretendere il pagamento delle pendenze lasciate dal vecchio utente minacciando o eseguendo la sospensione dell'erogazione di energia.

    Discorso a parte va fatto, invece, per la voltura, prassi ben più diffusa e meno costosa del subentro, in quanto, come accennato, permette di evitare l'interruzione della fornitura, ovvero la disattivazione e poi riattivazione del contatore, con aggravio di tempi e costi.

    Ma qual è la definizione normativa di voltura?

    Da quanto si legge sul sito dell'Aeeg (Autorità Energia Elettrica e Gas), nelle FAQ, sembrerebbe trattarsi di un semplice cambio di intestazione del contratto preesistente. Insomma, una vera e propria cessione del contratto a terzi.

    Pertanto, in teoria, il nuovo intestatario dovrebbe accollarsi tutti i debiti dell'intestatario precedente, fermo restando il diritto di rivalsa su quest'ultimo.

    Praticamente, per evitare una sospensione dell'utenza per morosità lasciata dal vecchio intestatario, il nuovo intestatario dovrebbe pagare il gestore e poi pretendere il rimborso dal vecchio utente.

    Ma, con l'affermazione dei principi che stiamo per esporre, è possibile dire che, anche nel caso di voltura, il nuovo intestatario dell'utenza non ha nessun obbligo di accollarsi le morosità pregresse di altro utente.

    Qualora il fornitore pretendesse il pagamento dei debiti lasciati dal vecchio utente commetterebbe un illecito, indipendentemente da ciò che prevedono le condizioni generali di contratto.

    Vediamo i motivi di questa forte affermazione.

    La soluzione si trova in una Delibera dell'AAEG, la 308/07, nella quale, contrariamente a quanto riportato nel sito della stessa autorità, la voltura viene definita, in relazione al singolo punto di prelievo, la cessazione del contratto di trasporto con un cliente e la contestuale stipula del contratto con un nuovo cliente, senza disalimentazione del punto di prelievo stesso.

    Da questa definizione, è facile intendere che anche nel caso di voltura si è in presenza di due contratti distinti, uno intestato al vecchio utente e uno intestato al nuovo utente: proprio come accade nel subentro.

    Questo principio, inoltre, è stato anche chiarito dalla sentenza 671/2012 del Tribunale di Messina, il quale ha specificato che la stipula di un nuovo contratto o la voltura di un contratto precedente non può essere subordinata all'estinzione della morosità del precedente intestatario, come affermato in tema di utenze domestiche dall'autorità per l'energia ed il gas.

    Dunque, non deve essere consentito al soggetto che vende energia elettrica procedere al distacco di una fornitura intestata ad altri, per la morosità del precedente titolare.

    Trattandosi di due contratti diversi, quindi, è evidente che il nuovo utente risponderà solo ed esclusivamente delle obbligazioni che nascono dal proprio contratto: non sarà in alcun modo tenuto, dunque, a pagare i debiti del precedente utente, debiti riferiti ad un contratto diverso cui egli è totalmente estraneo.

    E' pur vero che la delibera 348/07 dell'AEEG riguarda solo l'elettricità, ma in assenza di una definizione diversa e contraria per il mercato del gas, cosa che sarebbe peraltro irragionevole, non può che applicarsi per analogia a tutte le utenze che ricadono sotto la regolamentazione dell'Autorità.

    Problematiche comuni riscontrate nel subentro o nella voltura delle utenze domestiche

    Può accadere che il contratto di utenza domestica sottoscritto dall'utente preveda una definizione diversa di voltura, oppure utilizzi altra terminologia, come ad esempio la cessione del contratto.

    Qualora fosse utilizzata l'espressione voltura, anche solo nella fase precontrattuale, prevarrebbe sempre e comunque la definizione contenuta nella normativa emanata dall'Aeeg preposta alla regolamentazione del mercato dell'energia.

    Sarebbe una clausola contrattuale inefficace quella che utilizzasse un termine con un preciso significato normativo sancito dall'Aeeg, per poi darne un significato diverso.

    Ma anche se non fosse utilizzata l'espressione voltura, stante il fatto che l'Aeeg ha elencato il subentro e la voltura quali le due uniche modalità di passaggio dell'utenza da un consumatore all'altro, ci si potrebbe opporre ad una richiesta di pagamento di morosità pregresse.

    E questo perché far ricadere su un diverso utente i debiti di un altro utente dell'energia sarebbe in violazione di alcuni principi generali dell'ordinamento, quali la buona fede e la correttezza contrattuale, e potrebbe costituire causa di annullabilità del contratto per vizio del consenso.

    Soprattutto, quando l'utente è un consumatore, vi sarebbero svariate violazioni della normativa a tutela del consumatore:

    Sarebbe, infatti, in contrasto con ogni basilare principio della normativa costringere il consumatore, per avere luce o gas, a farsi carico del debito di altro utente di cui spesso neanche conosce o può conoscere l'entità.

    Non è giustificabile, infatti. un contratto con cui il gestore scarica un suo problema di recupero crediti sul nuovo cliente, ricattandolo con il distacco delle utenze se non accetta di pagare un debito altrui. La vessatorietà e scorrettezza di una tale condizione contrattuale è più che evidente.

    Ovviamente, esistono casi particolari in cui il nuovo utente dovrà farsi carico dei debiti del vecchio utente, ma non si tratta tanto di eccezioni alla regola appena descritta, quanto piuttosto dell'applicazione di altre norme.

    Ad esempio, l'erede che chiede il subentro o la voltura dell'utenza intestata al deceduto risponde dei debiti di quest'ultimo in base alle norme sulla successione ereditaria.

    Oppure, quando il gestore dimostra che il subentro o la voltura è stata richiesta al fine di ostacolarne l'attività di recupero crediti.

    In conclusione, che si tratti di subentro o di voltura, al nuovo cliente non potrà essere richiesto di rispondere della morosità pregressa lasciata dal vecchio cliente.

    16 dicembre 2014 · Gennaro Andele

    Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

    Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

    condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

    Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

    , , , , , , , , , ,

    tutela consumatori - acqua luce e gas

    Approfondimenti e integrazioni

    Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

    Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la morosità nel subentro e la voltura delle utenze domestiche. Clicca qui.

    Stai leggendo La morosità nel subentro e la voltura delle utenze domestiche Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 16 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - acqua luce e gas Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

    Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

    Altre info

    staff e collaboratori
    privacy e cookie
    note legali
    contatti


    Cerca